Guendalina Tavassi e la figlia picchiate denunciano tutto sui social (Foto)

L’ex gieffina Guendalina Tavassi e la figlia maggior, Gaia, denunciano l’episodio in cui sono state vittime di bullismo e mostrano le foto con i loro volti segnati dalle botte ricevute. Purtroppo è tutto vero e sembra che la Tavassi e sua figlia siano state picchiate senza un apparente motivo da ignoti. E’ il marito di Guendalina, Umberto D’Aponte, a confermare tutto suo social e a rivelare l’intera storia. Guendalina Tavassi con sua figlia Gaia ha anche registrato un video in cui mostrano entrambe i segni ancora evidenti, un video necessario perché erano in tanti a chiedere informazioni a madre e figlia sul loro stato di salute. L’aggressione sembra però avere un’origine, ancora non confermata, ma potrebbe essere tutto collegato all’account Instagram rubato alla Tavassi; almeno questo è quanto si intuisce. Con la denuncia sarà fatta ovviamente chiarezza sul gravissimo episodio.

Guendlian Tavassi abbracciando sua figlia Guenda commenta: “Ciao ragazzi, allora noi volevamo innanzitutto tranquillizzarvi. Gaietta sta bene adesso, io pure. Purtroppo questo fenomeno del bullismo esiste e bisogna in qualche modo fermarlo. Presto mi ridaranno l’account, così potremmo magari condividere con voi questo bruttissimo episodio che vogliamo cancellare”.

Siamo davvero senza parole. Nei giorni scorsi l’ex gieffina era stata presa di mira, le avevano hackerato il profilo Instagram. Aveva chiesto aiuto ai fan confidando anche che la stavano ricattando e che via mail le stavano chiedendo soldi: “Ragazzi aiutatemi a riprendere il mio profilo di Instagram – ha scritto Guenda – Mi stanno ricattando via mail e mi chiedono soldi per riaverlo, è uno schifo!!!”. Per questo si suppone che i due episodi siano collegati. E’ ovvio che per i vip che lavorano attraverso i social è un grave danno, maè ben più grave quanto accaduto in seguito. Adesso madre e figlia vogliono solo dimenticare tutto ma solo dopo avere parlato senza timore.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.