Alessia Prete distrutta da un grave lutto, Ale aveva solo 23 anni (Foto)

alessia prete

Dalla felicità delle foto in spiaggia al dolore atroce per Alessia Prete che in queste ore sta vivendo la sofferenza per la perdita di un caro amico d’infanzia. Un lutto terribile per l’ex gieffina, il ragazzo di cui parla nel lungo post aveva solo 23 anni, con lui è cresciuta, ha giocato quando erano bambino, hanno continuato a volersi bene. Un terribile lutto per Alessia Prete, una morte difficile da elaborare perché non è questo che pensiamo la vita ci riservi, non l’addio di una persona così giovane. Un lungo messaggio con una foto che mostra Alessia abbraccia e sorridente al suo amico d’infanzia. La stessa età e la stessa voglia di fare tanto nella vita ma per lei Ale era un grande uomo. Non solo era legata a lui da un profondo affetto ma lo ammirava così tanto da apprezzare tutto il suo percorso con tutte le sue difficoltà. Le loro mamme sono amiche da sempre e insieme hanno vissuto il magico periodo della gravidanza, inevitabile che loro due fossero così legati.

LA MORTE DI UN CARO AMICO DI ALESSIA PRETE E’ IL LUTTO DIFFICILE DA SUPERARE

Per Alessia Prete è difficile guardare anche l’ultima foto scattata con lui, lo confida tra le tante parole che ha voluto far leggere a tutti sul suo profilo social. Il sorriso della fidanzata di Matteo Gentili si è spento; confessa di avere il cuore di ghiaccio, impossibile comprendere il perché di questo addio per sempre.

Il mio cuore si è svegliato di ghiaccio questa mattina. È difficile per me guardare persino la nostra foto. Solo il pensiero che 23 anni fa, Mamma Stefy e Mamma Carmen insieme aspettavano due piccoli cuccioli, mi tremano le mani… – e’ il messaggio di Alessia, il suo addio all’amico – Indelebile, è il ricordo della mia infanzia passata con te. Sei stato un grande compagno di giochi. E nonostante siamo tanto giovani, per me eri già un grande uomo. Non ti sei mai arreso alle avversità e anzi, da persona responsabile, sei andato a vivere da solo. Con tanti sacrifici, riuscivi a conciliare lavoro e scuola. Questo è quello che reputo un vero Uomo, chi, sulle proprie spalle, porta i pezzi per costruire un puzzle chiamato Sogno. Non potevi che essere un esempio per tutti noi. Ho l’ultimo messaggio che dice: “Appena torno ci vediamo…”. Non doveva andar così… Sono distrutta… Ale sei un’anima pura…”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.