Serena Enardu sbotta sui social contro gli haters che l’accusano di non essere triste e di continuare a sponsorizzare

Serena non ci sta. Nelle ultime ore ha ricevuto, a quanto pare, diversi messaggi con pesanti accuse. Il motivo? Non si mostrerebbe abbastanza triste sui social dopo la fine della sua storia con Pago. Serena Enardu questa volta non ci sta e con una serie di stories su Instagram, risponde a tutte le persone. Le scrivono che nonostante quello che è successo lei continua a sponsorizzare. “Ma ce la fate, accendente il cervello” ha detto la Enardu incredula di fronte ai messaggi ricevuti. L’ex concorrente del Grande Fratello VIP a quanto pare è finita nel mirino di chi pensa che non stia realmente soffrendo e così Serena, stanca delle nuove accuse, ha sbottato.

La Enardu sottolinea che tante donne, andando a lavoro, devono “travestirsi” indossando la maschera di chi sta bene per non far trapelare nulla ai clienti. Ed è quello che sta facendo anche lei che continua le sponsorizzazioni perchè deve lavorare.

IL DURO SFOGO DI SERENA ENARDU SUI SOCIAL: NON SONO UNA CHE SI PIANGE ADDOSSO

Io sono un essere umano come tutti ma non mi piango addosso, non sono come tutte quelle persone che passano una vita a piangersi addosso, io devo lavorare” ha detto la Enardu. “Sono una di quelle che va avanti, una di quelle che deve portare avanti una casa, una di quelle che deve crescere un figlio” ha detto Serena. “Io non ho bisogno di dire quanto sono forte o debole e voi che mi mandate messaggi, ma non avete niente da fare? Io un lavoro ce l’ho e sono contenta di farlo…” ha detto Serena. “Dedicate il vostro tempo ad altro” ha detto l’ex trronista concludendo: “Io non devo accettare tutto quello che mi dite, io sono libera di dire quello che voglio. Se vi fa piacere mi seguite e si vi faccio schifo non mi seguite, è molto semplice.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.