Giulia Provvedi torna sui social con un dolcissimo scatto in bianco e nero

Un uragano. Un cambiamento che ha stravolto la sua vita. Un ciclone. Non si può definire in modo diverso quello che è successo in questi ultimi giorni nella vita di Giulia Provvedi passata dalla felicità del ritorno a casa insieme alla sua prima figlia, la piccola Nicole, all’arresto del suo compagno, Giorgio De Stefano. In questi giorni ne avrà sentite tante perchè si sa, la sensibilità non è cosa da tutti neppure in queste circostanze. L’accusano di scegliere sempre gli uomini sbagliati, di non sapere chi ha al suo fianco, o forse di fingere di non sapere. Da Fabrizio Corona a Giorgio de Stefano: due uomini, due arresti, due arrivederci. Le porte del carcere che si aprono in entrambi i casi ma questa volta per Silvia il dolore è ben diverso. L’uomo che è stato portato via dalla squadra mobile di Milano è il padre di sua figlia, nata da solo una settimana. L’uomo che è stato portato via dalla polizia ha ben altre accuse dalle quali difendersi. Cambia tutto ma l’uragano è arrivato. Due giorni di silenzio social poi la decisione: tornare con un dolce scatto, quello che conta, la sua dolcissima Nicole.

IL RITORNO DI GIULIA PROVVEDI SUI SOCIAL CON UN DOLCE SCATTO

Ecco quindi una foto in bianco e nero, che ferma su uno scatto il momento. Giulia che tiene stretta tra le sue braccia, sul petto, la piccola Nicole. In una foto tutto quello che oggi ha: la sua bambina. In una foto tutto quello su cui si dovrà concentrare, essere madre. Ora pensare che forse abbia scelto l’uomo sbagliato, pensare se sapeva o meno, poco importa perchè di certo la cosa fondamentale è la vita della piccola Nicole che merita di essere tutelata da tutto e da tutti. Lei con il resto, non c’entra nulla, lei con le scelte degli adulti, non ha nulla a che fare.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.