Giulia Provvedi torna sui social con un dolcissimo scatto in bianco e nero


Un uragano. Un cambiamento che ha stravolto la sua vita. Un ciclone. Non si può definire in modo diverso quello che è successo in questi ultimi giorni nella vita di Giulia Provvedi passata dalla felicità del ritorno a casa insieme alla sua prima figlia, la piccola Nicole, all’arresto del suo compagno, Giorgio De Stefano. In questi giorni ne avrà sentite tante perchè si sa, la sensibilità non è cosa da tutti neppure in queste circostanze. L’accusano di scegliere sempre gli uomini sbagliati, di non sapere chi ha al suo fianco, o forse di fingere di non sapere. Da Fabrizio Corona a Giorgio de Stefano: due uomini, due arresti, due arrivederci. Le porte del carcere che si aprono in entrambi i casi ma questa volta per Silvia il dolore è ben diverso. L’uomo che è stato portato via dalla squadra mobile di Milano è il padre di sua figlia, nata da solo una settimana. L’uomo che è stato portato via dalla polizia ha ben altre accuse dalle quali difendersi. Cambia tutto ma l’uragano è arrivato. Due giorni di silenzio social poi la decisione: tornare con un dolce scatto, quello che conta, la sua dolcissima Nicole.

IL RITORNO DI GIULIA PROVVEDI SUI SOCIAL CON UN DOLCE SCATTO

Ecco quindi una foto in bianco e nero, che ferma su uno scatto il momento. Giulia che tiene stretta tra le sue braccia, sul petto, la piccola Nicole. In una foto tutto quello che oggi ha: la sua bambina. In una foto tutto quello su cui si dovrà concentrare, essere madre. Ora pensare che forse abbia scelto l’uomo sbagliato, pensare se sapeva o meno, poco importa perchè di certo la cosa fondamentale è la vita della piccola Nicole che merita di essere tutelata da tutto e da tutti. Lei con il resto, non c’entra nulla, lei con le scelte degli adulti, non ha nulla a che fare.

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close