Caterina Balivo ricorda l’aborto, riapre la ferita per dare conforto a una follower

Per Caterina Balivo l’aborto è un dolore che resterà sempre lì in un angolo ma la conduttrice utilizza la sua esperienza per dare conforto a una follower. Rispondendo alle tante domande su Instagram per Caterina Balivo arriva un commento che le ha riportato alla mente la perdita del suo secondo figlio. Era il 2016, era già mamma di Guido Alberto ed era convinta che tutto sarebbe andato bene, come per la prima gravidanza. Purtroppo al terzo mese la Balivo ha perso il bambino, l’ha raccontato solo due anni dopo continuando a tenere dentro tutto il dolore, continuando ad andare in onda e a far finta di niente. Alla sua fan consiglia di non fare il suo stesso errore, le risponde sapendo che riapre una ferita ma non può fingere.

CATERINA BALIVO PRIMA DI CORA HA PERSO IL SUO BAMBINO

Nel 2014 ha sposato Guido Maria Brera, era già mamma di Guido Alberto, il loro bambino è stato l’invitato più importante il giorno del matrimonio. Dopo tre anni un dolore immenso, la perdita del secondo figlio, ma Caterina l’ha raccontato solo nel 2017 al Corriere della Sera.

“Un paio di anni fa ero rimasta di nuovo incinta. Ero felicissima e, avendo già avuto un bambino, ero convinta che tutto sarebbe andato bene… Quando ho perso il bambino, al terzo mese, sono stata malissimo. Ma dovevo comunque andare in video, avevo le mie responsabilità”. 

Il messaggio della fan la riporta di colpo indietro, chi le scrive confida che sta malissimo e la Balivo risponde subito: “E’ successo anche a me dopo Guido Alberto, lui avrà avuto due anni e mezzo, tre… Ci credevo proprio in quella gravidanza… Non fare come me, però, non nascondere il dolore, tiralo fuori, elaboralo”. Oggi è felice, quel dolore resta lì e lei consapevole di avere fatto un errore, quello di non raccontare, di non esternare almeno parte del suo dolore.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.