La mamma di Simona Ventura è caduta: frattura dell’omero e busto

E’ su Instagram che Simona Ventura ha raccontato dell’incidente della mamma. La signora Anna è caduta e ha riportato la frattura dell’omero, per fortuna una frattura composta. Il post della conduttrice non è tanto per informare tutti dell’incidente della madre ma più che altro per ringraziare chi si è preso cura di lei, il personale medico. “Ieri mia mamma è caduta. Frattura dell’omero ma, grazie a Dio, composta per cui gli hanno messo un busto che dovrà tenere per 1 settimana” inizia così il post di Simona Ventura che prosegue ringraziando i dottori, raccontando che tutto è accaduto ieri sera e che ovviamente non è stata una serata molto tranquilla.

SIMONA VENTURA: “I MEDICI HANNO FATTO PIU’ DEL LORO DOVERE”

Simona Ventura ringrazia chi si è occupato della mamma al Pronto Soccorso, due dottori in particolare: “… E tutto il personale medico che alacremente si sono presi cura di lei e dei (purtroppo tanti, ieri sera non è stata una serata tranquilla) pazienti accorsi. Hanno fatto più del loro dovere. Dovremmo esserne più grati”.

Nella sfortuna è stata fortunata: “Sono le nostre eccellenze che danno anima e corpo tutti da nord a sud. Vale la pena di sottolineare le tante qualità e non sempre i casi negativi che purtroppo ci sono!”.

Tantissimi i messaggi per la madre della conduttrice che adesso dovrà restare a riposo e con il busto per almeno una settimana. Non deve e non può muovere il braccio e la spalla.

E’ bello raccontare anche questo, importante sapere che in ospedale, al pronto soccorso, in qualunque momento c’è chi si prende cura di noi, ci aiuta facendo anche più del proprio dovere. Non è sempre così ma Simona Ventura ha voluto dire grazie in questo modo a chi ieri sera ha fatto tanto per la sua mamma, anche più del proprio dovere. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.