Marica Pellegrinelli, il Covid le causa ancora problemi dopo un anno

marica pellegrinelli problemi covid

Proprio come un anno fa Marica Pellegrinelli sui social racconta del Covid, di quanto ancora oggi quel contagio la faccia stare male. Dopo un anno Marica Pellegrinelli non si è ripresa del tutto, il virus non l’ha cambiata solo per le emozioni vissute ma anche perché ancora oggi non è quella che era il 12 ottobre 2020, ancora ne paga le conseguenze. L’ex moglie di Eros Ramazzotti non è stata fortunata, il suo contagio non è stato asintomatico ma non sembrava neppure così grave. Per lei non c’è stato bisogno di un ricovero in ospedale ma ha passato 18 giorni isolata a casa. Ci ha messo un po’ per riprendersi ma a distanza di così tanto tempo confessa che non è passato del tutto. Ha fatto tesoro come sempre di quanto accaduto ma ha una confidenza da fare.

Marica Pellegrinelli affronta il Long Covid

E’ così che viene chiamato, Long Covid, è ciò che deve affrontare chi nonostante la guarigione presenta ancora sintomi a lungo termine.

“Un anno esatto fa mi svegliavo dopo una notte di tormenti ed ero malata… sì: proprio quella malattia che sentivo rimbombare in ogni voce da 8 mesi – scrive la Pellegrinelli – Cerco di “capovolgere la prospettiva”, vedere tutti i cambiamenti positivi che ha creato nella mia vita e vi assicuro: non sono pochi! Ogni avvenimento .. anche il più doloroso, può essere un’occasione: sta a noi coglierla” Marica si racconta, confida il suo percorso dopo il contagio, come affronta le situazioni.


“Innumerevoli fatti e conseguenze negative, dolorose .. sia personali che collettive.. cerco di analizzare e di arginare le emozioni – poi confida – Di una cosa sono certa: quanto avrei voluto poter affrontare quei 18 giorni con una barriera in più nel mio sistema immunitario, è passato un anno ma non sono ancora come ero il 12 ottobre 2020”. Conclude che è difficile restare lucidi dopo quello che abbiamo passato “ma dobbiamo provare perché la vita è un dono stupendo…”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.