Laura Torrisi abbraccia la nonna: “Sarà difficile da accettare”

Laura Torrisi catania

Laura Torrisi non vedeva la nonna da troppo tempo, lei è siciliana ma vive in Toscana, separate da 1.200 km. L’attrice è legatissima alla sua nonna e quando ha saputo di un lavoro in Sicilia non ha fato altro che pensare come raggiungerla. Solo 48 ore ed è riuscita a vederla, ha preso il treno ed è andata nella casa che ricorda con immenso amore. Laura Torrisi ha 41 anni ma non può fare a meno di pensare al dolore che arriverà quando la nonna non ci sarà più. Pensa a quanto sarà difficile accettarlo perché già adesso le fa male. Non è riuscita a stare con i suoi nonni come avrebbe voluto e si rivolge a chi invece i nonni li ha vicini.

Laura Torrisi: “Andate da loro e abbracciateli”

“E pensavo che spesso l’anno passa mentre aspetti questi momenti e senza rendertene conto, passiamo dall’essere bambini che mangiano insieme ai nonni granite e brioche, o spicchi di sale e limone per rinfrescarsi nei caldi mesi estivi, all’essere adulti seduti allo stesso tavolo a parlare di persone care che ormai non ci sono piú” scrive sul suo profilo social dopo l’incontro con la sua adorata nonna.

La casa dei nonni è sempre piena di sedie, non si sa mai qualche nipote porterà un amico a cui poi diranno “siediti, qui sei di famiglia” perché lí tutti sono i benvenuti. C’é sempre il caffè pronto o qualcuno disposto a farlo” è vero, sono quasi tutti così i nonni.

Ha guardato la casa della nonna e ha pensato a quanto sarà difficile un giorno: “Accettare che tutto questo un giorno avrà fine e a come tutto abbia una scadenza, che un giorno tutto sarà coperto di polvere e le risate, gli abbracci, saranno un lontano ricordo di tempi, forse, migliori”.

Il tempo è già finito, quell’abbraccio è già un ricordo ma a tutti raccomanda: “se avete la fortuna di raggiungerli facilmente, andate da loro, abbracciateli e fate sentire loro tutto il vostro amore. Perché quando busserete a quella porta e non ci sarà più nessuno ad aprirvi, dire addio ai piatti cucinati con la nonna, ai consigli del nonno, ai soldi che ti davano segretamente dai tuoi genitori “accussí t’accatti chiddu ca voi” (così ti compri quello che vuoi), al piangere dal ridere per qualsiasi sciocchezza, o piangere per il dolore di coloro che se ne sono andati troppo presto, ecco quando tutto questo non ci sarà più sarà difficile da accettare”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.