Adriana Volpe spiega il perché del suo pianto

volpe magalli

Adriana Volpe parla ancora una volta di Giancarlo Magalli. La sentenza del giudice le ha dato ragione ma alla conduttrice non è andata giù la reazione del collega. Sui social la Volpe ha confessato che dopo la sentenza si è lasciata andare alle lacrime, un pianto liberatorio dopo avere atteso tanto tempo e superato momenti difficili. Adriana Volpe ne parla ancora in un’intervista al settimanale Ora, racconta degli anni di attesa, della sofferenza per essere stata allontanata dalla tv, della vittoria ma anche dell’ennesima delusione quando Giancarlo Magalli secondo lei ha tentato di sminuire il risarcimento, la sentenza. La replica della Volpe era già arrivata sui social ma adesso spiega le sue lacrime, in parte liberatorie.

 Adriana Volpe e Giancarlo Magalli non faranno mai pace?

“Ancora una volta ha scritto un post per screditarmi e questa volta ha denigrato anche il lavoro del tribunale e dei giudici… Secondo me aveva la piena certezza che tutto sarebbe finito prima o poi a tarallucci e vino e che le denunce nei suoi confronti sarebbero state archiviate” si legge nella sua intervista.

Credeva che dopo la sentenza lui si sarebbe avvicinato per chiederle scusa, che avrebbe capito l’errore commesso: “Per anni ha infangato sia la mia credibilità professionale sia la mia dignità di donna e di madre e pare proprio non essersi reso conto della gravità delle sue azioni. Purtroppo, ancora una volta il suo comportamento mi ha ferito e deluso”.

Parla anche di Marcello Cirillo: “Ho sofferto anche quando è stato allontanato Marcello Cirillo perché aveva espresso solidarietà nei miei confronti”. Forse questa triste vicenda non finirà mai, questa è la cosa più triste, non riuscire a trovare un punto di incontro, non riuscire a dare il buon esempio. Chissà se dopo il Grande Fratello Vip per Adriana Volpe ci sarà anche un altro spazio in casa Mediaset.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.