Michelle Hunziker, qualcuno ha distrutto il suo bellissimo albero di Natale

Michelle Hunziker è tornata a casa e ha trovato l'albero di Natale distrutto
michelle albero natale

Michelle Hunziker è tornata a casa ed è rimasta senza parole quando ha aperto la porta, è entrata nel salone e ha visto l’albero di Natale, il suo meraviglioso albero rovinato, come dice lei, distrutto, anzi “tutto sbrandellato”. Anche a casa di Michelle Hunziker c’è già aria di Natale, voglia di festa, di luci e l’albero di Natale era già pronto, bellissimo accanto al divano grigio. Addobbi dorati, lucine, qualche altro colore che si confonde tra i rami, davvero uno degli alberi di Natale vip più belli ma qualcosa è andato storto. Qualcuno ha rovinato l’albero di Michelle Hunziker e sui social lei svela anche chi è stato.

Michelle Hunziker smaschera i colpevoli

Sotto l’albero aveva messo della neve finta, qualcosa di molto simile all’ovatta, un effetto molto carino che però è piaciuto molto anche a Odino e Leone. Sono loro due i colpevoli, sono stati i suoi adorati cagnolini a rovinare l’albero di Natale che aveva addobbato con tanta cura.

Michelle Hunziker riprende tutto, mostra il video tra le storie di Instagram e le riesce davvero difficile trattenere le risate. Cerca di rimproverarli entrambi, soprattutto Odino che resta comodo seduto sui resti della neve finta.

Leone è felice di rivederla, Odino è impaurito, sa di avere fatto una marachella. Michelle lo sottolinea ed è una scena dolcissima, come tutte le altre in cui il suo cagnolino e il levriero di Tomaso Trussardi sono protagonisti. Chissà se i cuccioli hanno imparato la lezione o sarà Michelle a cambiare base per il suo albero di Natale.

Chissà poi come organizzerà il suo Natale quest’anno. I giornali di gossip erano già pronti a raccontare il ritorno a casa di Tomaso Trussardi e le feste natalizie più belle ma Vittorio Feltri ha frenato l’entusiasmo di tutto raccontando un’altra verità: che Michelle e Tomaso non sono tornati insieme, hanno semplicemente trovato un nuovo equilibrio, per il resto bisognerà attendere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.