Benedetta Parodi e le figlie raccontano il loro rapporto aperto

Benedetta Parodi per la prima volta con le figlie sulla copertina di Gente, emozionate raccontano il loro rapporto aperto
benedetta parodi figlie

Che emozione per Benedetta Parodi posare con le figlie Matilde ed Eleonora, raccontare del loro legame aperto, di com’è lei come madre e come sono le sue ragazze. La copertina di Gente è un’occasione speciale, è la prima volta per Benedetta Parodi ed è così orgogliosa delle donne che stanno diventando, così diverse ma figlie della stessa educazione. Si divertono insieme, fanno di tutto insieme e soprattutto Matilde ed Eleonora, che hanno 20 e 18 anni, si confidano con lei. Però non è sempre stato così ed è la più grande delle due a confessare che in passato aveva alzato un muro con la sua mamma, era solitaria, chiusa, introversa mentre adesso hanno il legame più bello che si possa avere con un genitore, la confidenza totale. Benedetta Parodi però frena un po’ tutto perché ricorda sempre che lei è la mamma e non un’amica.

Benedetta Parodi: “E’ un’avventura bellissima vederle crescere”

“Sono brave, mature, responsabili. Con loro mi diverto a guardare i film, a fare shopping, ad ascoltare la musica, a farmi consigliare nel look quando serve. Abbiamo un rapporto aperto, si rivolgono a me per qualsiasi cosa, senza timore. Ma detto ciò, loro lo sanno: io non sono un’amica, sono la mamma, la loro guida”. Identico discorso per il terzo figlio di Benedetta e Fabio Caressa, Diego che ha 13 anni.

Com’è Benedetta come madre? “Mamma è più severa, papà è più impulsivo. Se lei dice no è così, non transige. Se il no ce lo dice papà, forse si può trattare”. Si fidano completamente della mamma e non è sempre così scontato per i figli.

“Se mi ripenso ragazzina, mi rivedo in Matilde. Ora, invece, più in Eleonora” confida la conduttrice.

“A mamma dico grazie perché è il sole che rischiara smette serenità, ci fa sentire amati e incoraggia i nostri sogni. Nel mio caso cantare, fare musica: una passione che spero possa diventare un lavoro” dice Matilde mentre Eleonora dedica il suo grazie al papà: “Ringrazio papà per essere la nostra roccia, capace di farci sentire protetti, sempre e comunque”.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.