Francesco Nuti, la figlia adesso maggiorenne si prenderà cura di suo padre

Ginvera, la figlia di Francesco Nuti, adesso è maggiorenne e ha chiesto di essere l’unica tutrice del suo papà, sicura che nessuno possa prendersene cura meglio di lei. Intervistata dal settimanale Chi Ginevra Nuti ha raccontato del periodo dell’incidente del regista e attore toscano, del suo presente, di quanto sua madre sia stata importante nel rapporto padre e figlia e del legame attuale. Francesco Nuti dal 2006 è costretto sulla sedia a rotelle, un grave incidente domestico gli causò un ematoma cranico, Ginevra aveva solo 7 anni. E’ da poco diventata maggiorenne e ha chiesto di occuparsi di suo padre che adesso è ricoverato in un centro privato a Roma. Quando avvenne l’incidente fu avvisata da sua madre, Annamaria Malipiero, che la preparò facendole capire che il suo papà era un po’ cambiato.

Ma quando lo rividi per me era sempre papà. Grazie a mia mamma il nostro rapporto non si è mai interrotto. Sono solo cambiati gli approcci, il modo di comunicare”. Una storia dolorosa quella di Francesco Nuti, inevitabile che adesso quelle emozioni le viva la figlia sulla sua pelle: “Adesso che sono maggiorenne ho chiesto di essere l’unica tutrice di mio padre perché penso che nessuno meglio di me possa prendersi cura di lui”.

Le nozze di Gigi Buffon e Ilaria D’amico – clicca qui

Ginevra ha raccontato: “Sono cresciuta con la mamma, tra Milano e Roma. Ora papà è stato ricoverato in un centro privato qui a Roma e io posso vederlo di più. Fosse venuto prima, tante cose non sarebbero successe e penso anche alla vicenda dei maltrattamenti da parte del badante – è chiaro il rimorso ma lei era troppo piccola per aiutarlo – Piano piano sta migliorando, ma chiaramente non sono miglioramenti eclatanti: sono piccole cose che solo una persona dentro questa situazione può capire e apprezzare. Prima papà con la sinistra riusciva a scrivere e a disegnare. Ora non più. Ma ci siamo sempre parlati con gli occhi”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.