Serena Enardu sbotta sui social: “Magari avessi avuto una storia di 4 mesi con Alessandro” e si scusa con lui

Mentre andava in onda la puntata di Uomini e Donne di oggi 4 giugno 2020, Serena Enardu ha commentato in diretta i fatti. Come avrete visto nello studio di Canale 5 è tornato Alessandro Graziani, che ha dovuto dare delle spiegazioni sulla fine della sua amicizia con Serena Enaurdu. Maria de Filippi ha spiegato di aver chiesto il confronto in studio solo per capire se quando ha iniziato a corteggiare le due ex troniste, era libero da altri impegni. Gabriele Parpiglia che ha curato il servizio sul settimanale Chi, dove Pago parla della fine della sua relazione con Serena, vuole invece capire quanto è durata questa storia e se ci sia stata o meno visto che il cantante ha lasciato la Enardu dopo aver letto delle chat sul cellulare di lei. Alessandro quindi è chiamato a dire la sua mentre Serena, dai social, stenta a credere che stia accadendo. “Io sono basita” ha detto Serena che punta il dito contro il suo ex ma anche contro chi è in televisione a fare delle domande al giocatore di pallavolo. Serena si scusa per quello che in questi mesi Alessandro ha dovuto passare e si scusa ancora per quello che sta succedendo. Sottolinea che si vuole far credere qualcosa che non è successa. “Magari avessi avuto una relazione di quattro mesi con Alessandro, a questo punto posso dire solo magari” sbotta Serena sui social.

IL DURO SFOGO DI SERENA ENARDU SUI SOCIAL DOPO UOMINI E DONNE

Poi l’ex tronista decide di fare una riflessione per mettere un punto alla vicenda. “Una cosa la voglio dire, in tutto questo periodo ho pensato che la cosa peggiore fosse l’ignoranza , oggi invece penso che forse la cosa peggiore che c’è nel mondo sono i visionari, i cantastorie, le persone che si convincono che siano successe delle cose, te le attribuiscono e poi te le fanno pagare, c’è davvero da aver paura di queste persone, c’è da avere paura dei malati di mente” ha detto Serena.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.