Riccardo Scamarcio parla per la prima volta della figlia (Foto)

Riservato più di tutti i suoi colleghi Riccardo Scamarcio non ha mai parlato della figlia, della compagna, della sua vita privata (foto). Anche nella sua intervista rilasciata al Corriere della Sera dice poco, preferisce parlare del film “L’ultimo Paradiso” ma in quelle scene non ha ritrovato solo il suo passato ma anche il presente, la paternità. In questo film Scamarcio è non solo protagonista sul set ma anche sceneggiatore e produttore. Potremo vederlo dal 5 febbraio su Netflix. E’ una storia di amore e vendetta, ambientata alla fine degli anni ’50 in un paesino della Puglia. Sposato ma innamorato di un’altra donna, il suo sogno di scappare con lei, con l’altra ma tutto precipita. Riccardo Scamarcio nel film ha un figlio di 7 anni ed è collegandosi a questo che racconta un po’ di se stesso, del suo passato, del suo presente, di sua figlia.

RICCARDO SCAMARCIO PAPA’ DI UNA BIMBA DI 7 MESI

E’ Anghard Wodd, la sua attuale compagna ad averlo reso padre per la prima volta. Lei ha 46 anni, è inglese e ha una agenzia di management per scrittori e attori, ma non è certo Scamarcio ad avere raccontato questi dettagli. Al Corriere ha invece detto: “Sono diventato padre e ho capito che l’amore per un figlio non ti prevede, va al di là di te. Avere un figlio è un amore ancestrale. E con la paternità al cinema non ho rallentato, anzi ho accelerato, lo porto a casa”. 

Parlando dell’amore filiale ha raccontato che al Sud c’è un contatto fisico continuo con i bambini: le mani sul volto ma non solo, con loro si parla in una lingua speciale: “con cui si supera il pudore tra padre e figlio, è qualcosa che conosco, ci sono cresciuto anche se mio padre non era estremamente affettuoso”.

Il film è tratto da una storia vera, ispirato a una storia che riguarda la famiglia del regista, Rocco Ricciardulli. C’è quindi dentro qualcosa dei veri protagonisti e magari scopriremo anche uno Scamarcio un po’ diverso.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.