Uomini e Donne, un’altra caduta e una speranza

Per il terzo giorno consecutivo Uomini e Donne ha visto protagonista il trono over tra gare di ballo e dichiarazioni più o meno esplicite. Ormai il trono dei cavalieri e delle dame piace ad un numero sempre più elevato di persone e le risate di oggi e le altre emozioni chiariscono il perché.

Anche oggi negli studi di Uomini e Donne era presente il simpatico coreografo e amico di Maria de Filippi, Garrison Rochelle, e come già immaginate c’è stata ancora una volta la gara di ballo. Tina Cipollari, come sempre, ha fatto la sua parte strappando risate per le sue movenze, in particolar modo quando in coppia con l’ultimo arrivato, Juri, si è esibita in un tango, con tanto di rosa rossa in bocca e grado di difficoltà elevato. Ma in difficoltà in realtà ha messo il bel Juri…

Ammettiamolo pure, in molti aspettavamo un’altra caduta di Tina, senza alcuna cattiveria, ma strepitosa e divertentissima almeno come la precedente. Ma ad esibirsi nel tonfo a terra questa volta non è stata la nota opinionista di U&D ma una delle dame durante la prova di rock’n’roll.

Allo stesso tempo nella puntata di oggi non sono mancate le emozioni e soprattutto qualche anticipazione o, se preferite, qualche speranza su Antonio Jorio e il suo amore dichiarato per Milena. Quest’ultima ha rifiutato la corte di Juri ringraziandolo dell’interesse ma sottolineando che al momento è “impegnata” con Antonio. Infatti, Milena ha accettato l’invito a cena dell’affascinante cavaliere.

Juri è rimasto di sicuro deluso, commentando che al momento non avrebbe indicato il nome di un’altra dama perché il suo interesse per lei era reale.

Insomma, Milena sembra essere la più corteggiata in questo periodo. Nel frattempo Antonio è apparso soddisfatto delle sue risposte.

Saranno rose o spine?

S.L.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.