Film stasera in tv: Io, loro e Lara è su canale 5

Un’altra bella storia all’italiana, non però una di quelle classiche storie comiche, né al contempo niente di triste: ecco cosa ci offre la televisione. Questa sera martedì 27 settembre, a partire dalle ore 21.10 su Canale 5, vi consiglia vivamente di mettervi di fronte alla televisione e assistere al bellissimo Io, loro e Lara. Lanciato nel gennaio 2010 per la regia di Carlo Verdone, il film resistette all’onda d’urto che per tutto gennaio provocò l’uscita di Avatar. Fra i principali interpreti troviamo oltre a Verdone anche Sergio Rubini, Marco Giallini, ultimamente ha lavorato anche in Parla con me per la tv e prossimamente al cinema con A.C.A.B., e soprattutto Laura Chiatti nella parte appunto della Lara citata ne film. In questo lavoro osserviamo l’inizio forse della nuova era artistica di Verdone in cui, per espressione stessa del attore e regista romano, è sua volontà concentrarsi su storie serie. Effettivamente la storia di una crisi di fede, di una “notte oscura” vissuta da padre Mascolo che pian piano ritrova motivazioni, convinzioni e gioie passando per le mille peripezie familiari, è a tutti gli effetti considerata una storia seria e a tratti commovente. Il film ci aiuta a riflettere e sorridere anche sulla figura del sacerdote: la riporta un po’ più sulla terra, ricordandoci che oltre la tonaca esiste anche l’uomo con le sue debolezze, le sue arrabbiature e in tutta la sua bellezza. Lo consigliamo vivamente per tutti.

La trama di Io, loro e Lara:

Padre Carlo Mascolo (C. Verdone) sta passando un periodo di difficoltà e cirsi della vocazione. Decide di tornare per un po’ in famiglia e ritrovare la serenità. Ma una volta rimesso piede nella sua vecchia casa, viene letteralmente travolto dai problemi familiari e dalla presenza della ambigua Lara (L. Chiatti)…

Gabriele Scardocci

 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.