Fan Car-aoke da stasera su Rai1: Alessandra Amoroso e Zucchero per iniziare

Se non avete mai seguito la versione americana di questo format, vi consigliamo di dare un’occhiata a quello che vedremo stasera su Rai1, anche se non possiamo sapere se rispetterà la qualità dell’originale! Fan Car-aoke arriva su Rai1 con l’intento di far divertire il pubblico a casa, come ha spiegato lo stesso Morelli, protagonista, insieme agli ospiti, del programma. A proposito di Morelli una piccola nota: il programma di rai1 inizierà eccezionalmente in una seconda serata anticipata per la rete, quindi intorno alle 22,35. Nello stesso momento il conduttore sarà impegnato con le Iene, per cui assisteremo a una sorta di strana sovrapposizione ma capita! Torniamo invece a Fan Car-aoke che debutta questa sera su rai1 subito dopo Braccialetti Rossi. Il programma prevede la partecipazione di due grandi artisti.  Si inizia con Alessandra Amoroso e Zucchero che viaggeranno, uno per volta, nella macchina di Morelli. I due artisti scherzeranno con il conduttore alla guida, canteranno insieme a lui, racconteranno aneddoti simpatici della loro carriera…In un’altra macchina ci saranno dei fan che seguiranno l’intero percorso ma alla fine, solo uno di loro, potrà incontrare il cantante preferito e cantare in macchina insieme a lui. Morelli spiega che non ci saranno gare: lo scopo del programma è solo quello di far divertire il pubblico a casa…

Ospiti della prima puntata Alessandra Amoroso e Zucchero che saranno i primi a inaugurare il Fan Car-aoke.

Un tentativo di ammaliare il pubblico dei giovani, come spiega lo stesso conduttore . Anche per questo il programma va in onda dopo Braccialetti Rossi e inoltre non inizia nella classica seconda serata, alle 23 circa, ma alle 22,35. Spiega il conduttore: “Il programma si inserisce in una precisa strategia di svecchiamento di Rai1. Naturalmente un programma come il nostro è un’assoluta novità per il pubblico della rete e i vertici Rai non s’aspettano un botto in termini di indici d’ascolto perché i processi di rinnovamento sono lunghi e richiedono grande impegno. Però si tratta certamente di un tentativo interessante“.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.