Il trono Over di Uomini e Donne surclassa il trono classico: arriva la spiegazione di Maria de Filippi

Maria de Filippi commenta il successo di ascolti del trono over e spiega perchè va meglio del trono classico di Uomini e Donne

Nella sua intervista per il Fattoquotidiano.it Maria de Filippi prova a fare una analisi dei dati dei suoi programmi, in particolare di Uomini e Donne. Da mesi ormai, il programma di Canale 5 miete record su record, doppiando il competitor e arrivando a sfiorare vette del 25 % di share al pomeriggio, con oltre 3 milioni di spettatori. Numeri che Mediaset stenta a fare anche in prima serata ma che arrivano per le dame e i cavalieri del trono over. Il motivo? Per noi è molto semplice e rispecchia anche quello che è il pensiero di Maria. I ragazzi ormai si lasciano influenzare troppo da quello che si scrive e dice di loro, perdono tempo a spiare tutti su Instagram in cerca in un passo falso; si perdono tra sponsorizzazioni, vestiti da indossare, beveroni e agenzie varie da frequentare in un secondo momento. Uomini e Donne diventa una sorta di ufficio di collocamento. Non che dame e cavalieri dell’over non sia interessati anche a tutto questo ma affrontano con una visione diversa ( non parliamo di maturità cosa sconosciuta a molto di loro) il programma. Si mostrano senza maschere, alcuni, si lasciano andare, altri. Non a caso dal trono over di Uomini e Donne negli ultimi anni sono nate alcune delle storie più seguite. E sono nati personaggi mitologici come Gemma Galgani, che passerà alla storia per la sua partecipazione al programma di Canale 5.

BOOM DI ASCOLTI PER IL TRONO OVER: MARIA SPIEGA PERCHE’ FUNZIONA DI PIU’

E Maria de Filippi cosa pensa di tutto questo? Lo rivela nella sua intervista fatta con Giuseppe Candela.

“Io lo rivendico il fatto che faccio Uomini e Donne, se pensassi che quello che dicono è giusto smFetterei di condurlo. La verità è che mi diverto con il trono over, per il trono classico pensano troppo a quello che accade sui social e si fanno condizionare perdendo naturalezza”

Aggiungiamo a questa lucida analisi di Maria un altro piccolo dettaglio. Se si andasse a scovare un tronista almeno all’inizio leggermente disinteressato alle telecamere e al business, magari, almeno nei primi mesi, ci sarebbe quella naturalezza che ci si aspetta. Il pubblico vuole emozionarsi con le esterne, vuole l’amore, vuole i sentimenti e a giudicare dalle ultime annate del trono classico, tutto questo manca davvero. Tra corna, persone nascoste nell’armadio, inciuci, storie che finiscono dopo 15 giorni dalla fine del programma, il fallimento è chiaro, è dietro l’angolo perchè nessuno ci crede più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.