Nora Amile a Storie Italiane, il volto di Mohamed le ricorda le violenze subite da suo padre (Foto)

Nora Amile oggi è tornata nello studio di Storie Italiane per spiegare la sua reazione dopo aver visto una foto di Mohamed, il marito di Samira. Nel programma di Eleonora Daniele si continua a parlare della scomparsa della donna fino a quando non si saprà la verità ma sono tanti i casi di violenze o presunte violenze che la conduttrice segue. Nora Amile più volte ha portato la sua testimonianza, ha scelto Storie Italiane per raccontare le violenze subite da bambina da suo padre. La splendida modella non ha più rapporti da tanti anni con la sua famiglia di origine, è scappata via dal Marocco, aveva solo 11 anni quando ha chiesto aiuto perché non ce la faceva più a subire, a vedere sua sorella e la sua mamma soffrire come lei. In una delle ultime puntate di Storie Italiane però ha avuto una reazione che è apparsa eccessiva, la Daniele non riusciva a farla calmare, oggi ha chiesto scusa ma ha anche spiegato ciò che in camerino aveva poi confidato alla padrona di casa.

NORA AMILE VEDE NEGLI OCCHI DEL MARITO DI SAMIRA LE VIOLENZE SUBITE

“Mi ha toccato particolarmente questa storia perché lo sguardo di Mohamed è lo sguardo che vedevo da bambina in mio padre quando subivo violenze. Anche mia mamma e mia sorella subivano violenze, venivamo minacciate e sentire tutta questa storia e pensare che quella povera donna può avere subito quello che noi subivamo da bambina, che mia madre continua a subire”. Nora crede che sua madre sia ancora trattata come un tempo, le notizie che ogni tanto le arrivano non sono mai belle.

“Questa cosa mi ha toccato e ho perso il controllo, chiedo scusa. Vengo qua è ho la fortuna di conoscere persone che hanno sofferto come me e mi confronto”. Guardando anche oggi la foto di Mohamed rivive cose per cui ha sofferto. Eleonora fa togliere la foto, Nora Amile ringrazia la Rai e il programma, in altre trasmissioni non l’avrebbe raccontato per la paura di essere strumentalizzata.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.