Il piccolo Wonder conquista 4 milioni di spettatori: una perla al sabato sera di Rai 1

Dopo la cultura e i viaggi nella bellissima Italia, Rai 1 propone un film che racconta una storia straordinaria. Non vince la serata, questo lo diciamo senza troppi giri di parole. Ancora una volta C’è posta per te domina e convince, con quasi sei milioni di spettatori davanti alla tv. Ma il film Wonder, che emoziona e regala grandi attimi di riflessione e di commozione, riesce comunque a fare molto bene. Quasi 4 milioni i telespettatori che ieri si sono commossi ed emozionati con il film proposto da Rai 1.

ASCOLTI 1 FEBBRAIO 2020: 4 MILIONI DI SPETTATORI PER WONDER

4 milioni di italiani che hanno fatto il tifo per August “Auggie” Pullman, un bambino di 10 anni che affrontava il suo primo giorno di scuola in prima media. Aveva infatti da sempre studiato in casa, con la sua mamma che era stata la sua insegnante, la sua migliore amica, la sua confidente, la sua compagna di banco. La vita di Auggie infatti è cambiata sin dal suo primo respiro: appena nato è stata diagnosticata la  sindrome di Treacher Collins. Ben 27 le operazioni subite ma nonostante le varie plastiche facciali, il piccolo ha comunque un aspetto diverso. Per qualcuno un mostro, per altri semplicemente un bambino che non ha il classico volto ma che sa amare, che ha una grande intelligenza, una ironia speciale…Un bambino che ha tanta voglia di amare ed essere amato e che alla fine della storia raccontata nel film Wonder, anche grazie alla decisione dei suoi genitori coraggiosi di farlo andare a scuola, realizza il suo piccolo sogno. Non dovrà più camminare con il casco per coprirsi il volto perchè chi lo ha ormai imparato a conoscere è andato ben oltre quelle cicatrici sul volto.

Un film davvero bello che la Rai regala nel sabato pre sanremese e che porta a casa un ottimo risultato. Per dare i numeri corretti: 3,9 milioni e il 17.6%

E ricordatevi sempre: “Non giudicare un libro dalla copertina. Non giudicare una persona dalla faccia.”

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.