Massimo Ciavarro a Verissimo la morte del padre quando era ragazzino, un danno importante


Aveva solo 13 anni Massimo Ciavarro quando ha perso suo padre e quelli che racconta a Verissimo sono momenti che non potrà mai dimenticare. Aveva una malattia, stava male ma poi è successo tutto all’improvviso. 24 ore prima mentre suo padre preparava la solita valigia per andare in clinica gli ha detto che sentiva che quella sarebbe stata l’ultima volta e che avrebbe dovuto pensare lui alla madre e alle sue sorelle. Infatti, il giorno dopo non c’era più: “Mi hanno chiamato e sono andato in clinica. A un’età così giovane… è stato molto strano vederlo che 24 ore prima ti parlava e poi era lì”. Massimo Ciavarro sa bene che quello è stato un danno nella sua vita. lo chiama proprio così: “E’ stato un danno ma quello che penso è che i danni nella vita sono importanti, di certo è meglio non averli ma se li hai ti fanno crescere. Io sono contento di come sono con tutti i difetti e le pazzie che ci sono state e ci saranno a sono sicuro che se non fosse successa quella cosa io sarei totalmente un’altra persona”.

PER MASSIMO CIAVARRO SUO PADRE E’ IL SUO ANGELO CUSTODE

Sente suo padre sempre vicino e ne ha avuto la prova più volte, soprattutto negli anni ’80 quando ebbe un incidente. In auto con lui c’erano anche sua sorella, la fidanzata di quel periodo e altri amici. Un incidente e l’auto si ribaltò, furono tutti catapultati fuori ma sua sorella non si trovava. Era più in là di 50 metri, tra l’erba alta, svenuta ma respirava. La corsa in ospedale a rimase in coma per vari giorni, forse 7.

A svegliarla fu Massimo o forse il loro papà. Lei era in coma e Massimo le mise una mano sulla testa come faceva sempre il padre, iniziò a nominarlo, a parlare di lui. Sua sorella aprì gli occhi chiamando “papà”. “Forse è stata la mano di papà, io ci credo a queste cose. Non c’è sera senza preghiera per mio padre, non riuscirei a dormire, è il mio angelo custode”. 

Leggi altri articoli di Programmi TV

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close