Natale in Casa Cupiello, l’omaggio a Eduardo De Filippo in prima serata il 22 dicembre

Un omaggio al drammaturgo e poeta partenopeo Eduardo De Filippo ma anche un dono per i telespettatori alla vigilia delle feste natalizie: Natale in casa Cupiello. L’attesa trasposizione filmica di un’opera teatrale capolavoro di Eduardo De Filippo incuriosisce ed emoziona. Il 22 dicembre in prima serata su Rai 1 saranno protagonisti Sergio Castellitto, Marina Confalone, Adriano Pantaleo, Tony Laudadio, Pina Turco, Alessio Lapice e Antonio Milo per ridere e poi solo commuovere come da anni accade in teatro. La famiglia Cupiello si prepara a festeggiare il Natale ma tra la preparazione del presepe e della cena per la vigilia andrà come non doveva finire. L’incapacità di comunicare, i silenzi e quella lettera finita nelle mani sbagliate.

NATALE IN CASA CUPIELLO – I PERSONAGGI

Luca Cupiello – Sergio Castellitto. Il presepe è per Lucariello l’elemento centrale ma in famiglia non interessano a nessuno quelle quattro case tenute insieme dalla colla che al mattino desidera avere già pronta con il suo odore così sgradevole a sua moglie. Lui sembra non accorgersi di quello che accade intorno ma alla fine è lui l’unico ad avere un disegno puro come l’amore, la famiglia che va difesa, l’unione.

Concetta Cupiello – Marina Confalone. Diretta, concreta fino ad essere dura per poi crollare quando per Lucariello non c’è più speranza.

Tommasino Cupiello – Adriano Pantaleo. La madre lo chiama Nennillo, è il secondogenito di Luca e Concetta. Tommasino non vuole crescere ma lo farà al momento della tragedia.

Pasquale Cupiello – Tony Laudadio. E’ il fratello di Luca, vive con loro ed è sempre in lite con Tommasino, sempre rancoroso.

Ninuccia Cupiello – Pina Turco. E’ la primogenita, sposata con Nicola che potrebbe darle tutto ma non l’amore perché innamorata di Vittorio. Sarà questo amore impossibile a rovinare tutto.

Vittorio Elia – Alessio Lapice. E’ l’amante di Ninuccia ed è pazzo di lei fino al punto di distruggere la pace in famiglia. 

Nicola Percuoco – Antonio Milo. E’ il marito di Ninuccia, un commerciante importante ma nel ruolo di un borghese arricchito. La sua eleganza è finta perché in realtà è trasandato e crede che sua moglie sia di sua proprietà. La trascura, è geloso, la rende infelice.

NAPOLI 1950

Il Natale si avvicina, il presepe di Lucariello è da finire ma non piace a nessuno della famiglia, soprattutto non piace a Tommasino. Concetta è preoccupata, deve fare in modo che sua figlia Ninuccia non lasci il marito, non riveli l’amore per Vittorio; le strappa dalle mani la lettera dell’addio e poi la promessa di non dire niente a Nicolino. La missiva finisce nelle mani di Lucariello che ignaro la consegna proprio nelle mani del genero. Scoperto il tradimento è Concetta che ancora una volta riesce a riportare la pace ma Lucariello continua ad essere ignaro di tutto. La sera della vigilia di Natale accade quello che non doveva succedere: l’incontro dei due rivali in amore in casa Cupiello. Tutto è perduto, Lucariello è morente ma quell’ultima domanda a suo figlio riceve la risposta tanto attesa, quel “Sì” che racchiude tutto.

Note del regista Edoardo De Angelis: “Dopo un’attenta istruttoria filologica attraverso le edizioni dell’opera mutata nel corso dei decenni anche profondamente, abbiamo deciso di collo- care il presente adattamento nel 1950. Un anno emblematicamente sospeso tra la guerra e il benessere. Napoli è ancora ferita dalle bom-be ma si sentono i primi vagiti di una classe media che si affermerà negli anni successivi. Un anno sospeso tra distruzione e ricostruzione, proprio come il 2020. È una commedia che fa piangere Natale in casa Cupiello”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.