La serenità di Ema Stokholma nel raccontare le violenze di sua madre stupisce tutti (Foto)

Non è certo la prima volta che ascoltiamo Ema Stokholma raccontare del suo passato, delle violenze che subiva da sua madre ma a Oggi è un altro giorno sorprende la sua serenità (foto). “Oggi mi fido, non è semplice però mi fido di alcune persone, ho degli amici che stanno insieme a me da una vita, la famiglia si può creare”, Ema Stokholma ce l’ha fatta non solo a scappare via da quell’incubo, dalla malattia mentale di sua madre, ce l’ha fatta anche a ricostruire la sua vita. E’ ovvio che il suo percorso sia passato attraverso l’analisi, l’aiuto nel comprendere il perché, nel capire. Non c’è perdono ma il suo sorriso dice tutto. Ema è l’esempio di come tutti possiamo farcela nonostante qualunque problema. L’infanzia e parte dell’adolescenza vissute completamente nella sofferenza. Ogni giorno sua madre la picchiava o usava contro di lei violenze psicologiche. Anche quando racconta che voleva essere sull’ultimo gradino della società lo spiega con estrema sicurezza, consapevole degli errori fatti ma anche comprensiva verso se stessa.

EMA STOKHOLMA A OGGI E’ UN ALTRO GIORNO

Quando è scappata di casa ha vissuto ai margini, spiega che non era semplice per lei dopo tanto dolore e quel tipo di vita vivere in pace, non era abituata. E’ riuscita a uscire anche da quel periodo, ha capito che non poteva essere quella la sua vita ma ha dovuto toccare il fondo per poi risalire.

“Quando mi sono resa conto che ero violenta nelle mie relazioni io non ero contenta. In analisi ho scoperto che non ero come lei, in realtà non è così, ho capito che è una rabbia verso mio padre” questo per fare capire quanto il suo passato l’ha influenzata ma Ema confessa che deve sempre lavorarci perché ha degli alti e bassi. “Mi serve tanto l’analisi, sono migliorata tanto ma sono solo all’inizio. Di questo io prendo il lato positivo perché l’analisi è anche interessante”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.