Patrizia Mirigliani ha salvato suo figlio dalla droga, a Verissimo cosa è successo dopo la denuncia (Foto)

Quasi un anno fa Patrizia Mirigliani (foto) disperata spiegava in tv il perché era arrivata a denunciare suo figlio, tossicodipendente; domani sarà a Verissimo per parlare del percorso di Nicola, di come sta oggi e di come sta lei. La Mirigliani è stata una mamma coraggiosa, ha pensato solo al bene del figlio e ha fatto la cosa giusta. Possiamo solo immaginare quanto sia stato difficile e doloroso per lei che è un personaggio famoso raccontare della sua vita privata, della denuncia a suo figlio, della droga che stava distruggendo da anni la sua famiglia. Ha chiesto aiuto, non sappiamo se sia arrivato ma le anticipazioni di Verissimo sembrano avere un lieto fine o almeno una giusta strada per arrivare a risolvere un problema enorme. Difficile uscirne da soli. Il figlio di Patrizia Mirigliani ha 32 anni, non è un ragazzino ma è buono, fragile, si è sentito smarrito dopo avere raggiunto una nuova consapevolezza.

IL FIGLIO DI PATRIZIA MIRIGLIANI OGGI LA RINGRAZIA

“Nicola, ormai 32enne, sta facendo un percorso terapeutico, ma oggi ha raggiunto una nuova consapevolezza: ha capito che le droghe tolgono la coscienza. Si è sentito smarrito, è buono ma è anche fragile. Aveva bisogno di più amore, il problema è stato causato dal mondo intorno, a scuola ha subito tanto bullismo” racconta la patron di Miss Italia ai microfoni di Verissimo. Spiega che non c’era altra soluzione che denunciarlo.

“Quando si prende una decisione come questa lo si fa perché si è soli. La pietà di una madre non aiuta un figlio. Mi chiedeva continuamente soldi, una richiesta che si accentuava quando aveva più bisogno di sostanze”. Oggi Nicola la ringrazia: “Gli ho dato modo di pensare, ha capito che per fare questo ero disperata”. Nessun senso di colpa, come madre ha fatto tutto per lui. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.