Da Storie Italiane parla Mirko Casadei: “Non vedeva l’ora di fare il vaccino”

E’ andato in ospedale salendo da solo sull’ambulanza perchè voleva rassicurare tutti ma purtroppo questo maledetto covid 19 non risparmia nessuno. Sabato la tragica notizia della morte di Raoul Casadei, che si è spento a 83 in ospedale dove era ricoverato. Contagiata tutta la famiglia Casadei, da sua moglie ai figli. Un dolore grandissimo, un vuoto che nessuno può spiegare anche perchè gli ultimi addii in questi casi, sono ancora più strazianti. Si muore da soli, si lascia questa terra senza neppure il conforto di una carezza.

Oggi da Storie Italiane Mirko, il figlio di Raoul Casadei, spiega cosa è successo negli ultimi giorni di vita del suo papà. Inutile andare a cercare un colpevole anche se essendo una persona fragile, di 83 anni, forse avrebbe dovuto già essere vaccinato. Ma questo non è il momento delle polemiche. Mirko ci tiene a dire che il suo papà quel vaccino lo aspettava davvero, voleva farlo.

La polemica nasce però anche dalla prima pagina del giornale Libero che oggi titola “Casadei ucciso , non l’hanno vaccinato. Trascurato il re del liscio”. Il figlio di Raoul prende a suo modo le distanze da queste parole e spiega che il governo sta facendo quello che può, è anche vero però che suo padre, non era stato vaccinato nonostante avesse 83 anni.

L’addio di Mirko Casadei al suo papà da Storie Italiane

Non mi sento di fare una polemica ma il dato di fatto è che non è riuscito a farlo” ha detto Mirko in collegamento con il programma di Eleonora Daniele oggi, 15 marzo 2021. “Purtroppo siamo in un momento difficile” ha continuato Mirko facendo notare quello che sta succedendo in tutta Italia. “Ci dobbiamo dare una bella svegliata perchè un esempio come quello di Raoul potrebbe servire per dare una accelerata a questa campagna vaccinale. In ospedale non hanno tante armi per batterlo” ha detto Mirko in diretta a Storie Italiane.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.