Jessica Morlacchi, la rivincita dopo dieci anni chiusa in casa per gli attacchi di panico (Foto)

Non si nasconde più dietro mille battute, Jessica Morlacchi è tornata davvero, a Oggi è un altro giorno mostra la sua rivincita archiviando gli attacchi di panico (foto). Dieci anni della sua vita passati in casa, con poche uscite, sempre con la famiglia e gli amici più cari, sempre attenta a tenere lontani gli attacchi di panico. Il primo a 15 anni, nel pieno del successo per gli indimenticabili Gazosa. Avevano solo 13 anni, erano dei bambini, Jessica Morlacchi la leader. Purtroppo a lei il corpo ha chiesto di fermarsi e l’ha fatto facendole tremare le gambe, annebbiandole la vista, spaventandola, negandole la possibilità di andare in spazi troppo grandi. Non poteva più viaggiare, non poteva salire più su un palco, un incubo durato dieci anni. Dicevano che era un calo di zuccheri ma iniziò a capire che c’era ben altro dietro, c’era tutto il peso di una vita da adulta, di riunioni e serate. 

JESSICA MORLACCHI HA ODIATO LA MUSICA

Provava a fare una vita normale, senza più la musica, il mondo dello spettacolo, ma non ci riusciva. “Io ho avuto anche un rifiuto nei confronti della musica, mi sono anche arrabbiata nei confronti dei miei genitori”,  chiedeva perché erano state fatte scelte che evidentemente erano sbagliate ma Jessica rideva e si divertiva tutto il giorno a 13 anni, quindi non era semplice capire che stesse male.

Prima di avere il primo attacco di panico stava benissimo ma poi improvvisamente non sentiva più le gambe: “ Un blocco allo stomaco e hai paura e inizi a pensare che sta per tornare, anche se magari non ritorna”. 

Pensava fosse colpa anche della musica: “Ho cantato tantissimo nel mio salotto perché non uscivo ma ho capito che la musica, cantare, mi davano ossigeno e piano piano ho ripreso i contatti con i produttori, i manager e in punta di piedi sono tornata ma è stata una scelta pensata a lungo. Io mi sono protetta tantissimo, ho perso tante occasioni. In dieci anni stavo a casa con la mia famiglia e con i miei amici”

Se doveva andare a cena in un ristorante si informava dell’altezza del soffitto perché più era alto e più per lei era un problema e non poteva andare. “A un certo punto ho sbroccato e ho tirato fuori le unghie… Dieci anni chiusa in casa fai anche pensieri molto brutti che non dovresti fare e o ti lasci andare o tiri fuori le unghie”. Dopo tanti anni 5 anni fa uno psichiatra l’ha fatta rinascere.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.