Sandra Milo ricorda come la lasciò il marito e della figlia nata morta

Ha avuto quattro matrimoni Sandra Milo che a Oggi è un altro giorno con suo figlio Ciro ricorda come la lasciò il padre di suo figlio e di Azzurra. Lui era Ottavio De Lollis e l’attrice che aveva lasciato da anni il cinema pensava che fosse il grande amore della sua vita. Il primo matrimonio a 15 anni, la perdita del primo figlio poi la separazione e l’annullamento del matrimonio. E’ arrivato poi Moris Ergas e dopo le nozze è nata Deborah ma Sandra Milo lasciò il mondo dello spettacolo per sua figlia. Finito anche questo secondo matrimonio sposa Ottavio De Lollis, nasce Ciro e poi Azzurra ma la piccolina nasce morta. E’ una storia che Azzurra ha già raccontato in tv ed è quello che sembra un miracolo. Sandra Milo era disperata non accettava la morte della bambina che era stata avvolta in una copertina e lasciata sul tavolo in ospedale. L’arrivo di suor Costantina e le sue preghiere a Madre Maria Pia Mastena sembra abbiano portato in vita la piccolina. Sandra Milo si emoziona ancora oggi mentre racconta quei momenti.

A OGGI E’ UN ALTRO GIORNO SANDRA MILO

“Quando sono tonata a casa lui non c’era” racconta Sandrocchia parlando del padre di Ciro e Azzurra: “E la sera andando a letto ho trovato un foglio sul cuscino e c’era scritto ‘me ne vado e penso che sarai contenta’ e così finita una storia che sembrava di quelle che durano oltre la vita”. Confessa che è stato molto difficile per lei trovarsi da sola all’improvviso con tre figli”.

Erano 8 anni che non lavorava, che era lontana dal cinema e dal mondo dello spettacolo e nel momento in cui ha cercato chi la facesse tornare nessuno si ricordava più di lei. Era passato troppo tempo. “Avevo lasciato tutto per Deborah perché avevo avuto molti problemi e il tribunale faceva fatica a lasciarmela e io promisi di lasciare il cinema, lo spettacolo, perché una donna che faceva quel lavoro era sicuramente una peccatrice”. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.