Emilio Solfrizzi racconta l’imbarazzo nel ricevere fiori da sua moglie

Dalla carriera alla vita privata Emilio Solfrizzi ospite a Oggi è un altro giorno ha raccontato vari aneddoti. Tenero quando ha confidato che la volta in cui si è sentito più in imbarazzo è stata quando sua moglie gli ha regalato dei fiori. Era l’inizio del loro amore, si erano appena conosciuti e lei le ha regalato un mazzo di rose. Come ha reagito Solfrizzi in quella occasione, cosa ha fatto per nascondere l’imbarazzo? A Serena Bortone ha confessato: “Un cretino, non ho saputo reagire”. Non si aspettava un gesto così, e facendo il verso a se stesso ha aggiunto che è pugliese e che i fiori li regalano gli uomini alle donne: “Ha sovvertito le regole… ho fatto una risatina e non sapevo cosa dire” ha nascosto il suo disagio ma ancora lo ricorda, dopo 30 anni.

EMILIO SOLFRIZZI E SUA MOGLIE RENATA: “POI MI HA SCOPERTO MA ORMAI MI AVEVA SPOSATO”

Non può non farci sorridere l’attore pugliese ma poi si fa serio quando racconta che ciò che desidera di più è che la sua famiglia stia bene: “Mi piace assecondare la famiglia perché se gli altri intorno a me sono contenti io sono felice. Non ho un posto preferito, nel senso che se vai chissà dove e tuo figlio si annoia è inutile”. 

Diventa ancora più serio Emilio Solfrizzi quando racconta il suo desiderio del dopo lockdown. Spiega che lui e gli altri attori hanno vissuto con tutto intorno che anche in minima parte riapriva. Hanno vissuto con briciole di speranza mentre il resto tornava magari anche parzialmente alla vita. “Il desiderio è che finisca il più presto possibile e in qualunque modo perché mi sono reso conto che so fare questo e questo vorrei continuare a fare”.  Durante il lockdwn sotto casa sua era in vendita una tabaccheria, ci ha pensato, poi è andato oltre e ha fatto bene.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.