Non convince il debutto di Dedicato: Serena Autieri per ora rimandata

Al mattino estivo di Rai 1 a quanto pare, tutto sembra essere concesso, del resto lo si era capito anche lo scorso anno quando la rete ha mandato in onda il discutibile C’è tempo per…In questa stagione si riprova a cambiare, mischiando le carte in tavola, con Dedicato, il nuovo programma condotto da Serena Autieri. Ed è d’obbligo una premessa: è certamente presto per giudicare, la prima puntata è quella del debutto. C’è l’emozione ( e forse troppe lacrime in questa prima puntata per Serena Autieri, davvero troppe), ci sono i ritmi da prendere, c’è da capire cosa funzioni e cosa no. E come spesso succede, i commenti del pubblico che guarda un programma da casa e lo commenta sui social, non sono poi gli stessi di chi nella “bolla”di Twitter non ci ha mai messo piede.

Dedicato alla prima puntata appare però poco ambizioso. Un programma che ha una idea di partenza, le dediche, ma che si basa troppo sulla parte cantata. E va bene, Serena Autieri è un talento nel canto, ma farla cantare così, random, è forse troppo. Comprendiamo poi che ci si rivolga a un pubblico di una certa età, ma in una estate 2021 caratterizzata da decine di hit estive che sono un tormentone da settimane, portare magari anche una ventata di freschezza con qualcosa di “attuale” non sarebbe ad esempio, stata una cattiva idea.

Per l’Autieri il debutto è stato sicuramente complicato e pieno di emozione, anche perchè ricordiamolo, nella vita fa l’attrice e non la conduttrice e partire così, da protagonista assoluta con il timone del format tutto nelle sue mani, non deve essere di certo stato facile. Possiamo forse aspettarci qualcosina in più belle prossime puntate: dalle emozioni calibrate, alla voce moderata con toni giusti al momento giusto. Vedremo.

Dedicato il nuovo programma di Rai 1 per l’estate 2021: funziona?

Il pubblico che ha commentato questa prima puntata via socia all’Autieri non ha perdonato praticamente nulla: “troppo d’ursiana” ha scritto qualcuno, per altri il programma sa di vecchio e non è all’altezza di Rai 1 ma sarebbe stato perfetto per una rete locale. Per altri c’è troppo entusiasmo ( Marzullo a parte, effettivamente la conduttrice era forse un po’ troppo carica, soprattutto nella prima parte). C’è anche chi non ha apprezzato l’intervista alle due figlie di Paolo Rossi, per molti troppo piccole per andare in tv e parlare del papà mancato da così poco.

Come detto in precedenza, ancora assolutamente presto per dare un giudizio. Il primo lo darà però il pubblico domani, quando i dati di ascolto ci diranno se Dedicato ha almeno superato la prova dell’auditel!

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.