Il drammatico incidente di Jerry Calà che ricorda le parole: “Lo stiamo perdendo”

Jerry Calà moglie

Era il 7 febbraio del 1994 e Jerry Calà ricorda il giorno dell’incidente come fosse ieri, ricorda le parole dei soccorritori: “Lo stiamo perdendo”. E’ la frase che si ascolta spesso nelle serie tv che il pubblico ama tanto ma Jerry Calà era il protagonista reale. Un volo 10 metri, un terribile incidente d’auto e a Oggi è un altro giorno spiega che aveva le gambe spezzate. Si era rotto i due femori e aveva riportato una lesione all’arteria femorale. Di quel periodo l’attore dice: “Mi avevano fatto fuori” nel suo ambiente gli dicevano che era finito, che sarebbe rimasto seduto per sempre: “Invece mi sono rialzato e ho prodotto un film da solo”.

A Oggi è un altro giorno Jerry Calà racconta la sua vita prima e dopo l’incidente

“L’incidente mi ha resettato la classifica dei valori della vita perché io, e Mara lo sa bene, io ero insopportabile quando uscivano i film. Alle 10:40 dopo la prima visione chiamavo tutte le cassiere dei cinema, all’epoca erano pochi e le conoscevo per nome, non erano tantissime. Mi dicevano gli incassi e se erano buoni okay altrimenti diventavo un musone. Poi sono diventato invece nel lavoro molto più coraggioso…”.

La fortuna di avere incontrato sua moglie Bettina

Bettina è il grande amore della sua vita, l’ha incontrata nel 2001 in Sardegna. Jerry era in vacanza e c’era anche la figlia di Mara Venier, ha visto Bettina e si è subito innamorato. Lei però il giorno dopo andava via. Elisabetta è stata il suo tramite e il giorno dopo Calà era sull’aereo con Bettina, era il minimo per conquistarla, per non perderla. E’ anche grazie a sua moglie se può avere un legame così bello con Mara Venier, lei non è gelosa del passato e possono contare su una famiglia allargata che è un dono prezioso.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.