Drag Race Italia sta per debuttare: cosa dobbiamo aspettarci dalla prima puntata e non solo

drag race discovery italia

C’è grande attesa per l’edizione tutta italiana di Drag Race Italia. Con qualche annetto di ritardo ( la prima edizione è andata in onda negli Stati Uniti nel 2009) anche in Italia arriva il programma che vede le Drag Queen sfidarsi a colpi di talento nel fare spettacolo e intrattenimento. Un programma Drag Race, amatissimo in tutto il mondo. Venduto in ben 12 paesi, in questi anni ha davvero fatto la storia oltre che essere una vetrina, in senso positivo, per le Drag Queen che hanno potuto raccontare il perchè di una scelta, il perchè del loro voler essere Drag. Lo ha ricordato anche Laura Cafaroli questa mattina in conferenza stampa, parlando di questa prima edizione di Drag Race targata Discovery:  “Drag Race è un fenomeno mondiale, nasce nel 2009. Ha vinto 24 Emmy, è presente in 12 Paesi: è un programma che ha fatto anche pensare e ha fatto fare grandi passi in avanti per quanto concerne tutti i diritti legati alla comunità LGBQ nel mondo. In Italia non era così semplice. Questo programma ci fa fare un passo in più sul racconto dell’inclusività.”

Ma cosa dobbiamo aspettarci dalla prima puntata di Drag Race Italia che sarà in piattaforma dal 19 novembre 2021, e in generale da questa prima edizione made in Italy del programma? Il format, è molto simile alla versione originale. Considerando che, come detto in precedenza, la prima edizione andò in onda 11 anni fa, è chiaro pensare che ci siano dei ritocchi ma il format, con le sfide e con le challenge di cui saranno protagoniste le Drag Queen, resta fedele alla versione originale. La versione italiana del format, come da sempre fanno tutti i programmi di Discovery, punta moltissimo sulle storie delle protagoniste di questa prima edizione, e sarà una cosa che probabilmente si noterà nella cifra stilistica della narrazione.

Drag Race Italia la parola ai conduttori

A spiegarci quello che dobbiamo aspettarci da questa edizione made in Italy di Drag Race, ci ha pensato anche Chiara Francini, che sarà una delle protagoniste fisse del programma:  “Per me è stata davvero una benedizione, mi sento onorata. Uno show come questo è sicuramente intrattenimento, sicuramente paillettes, ma è anche carne e ciccia. E’ uno show profondamente filologico in Italia. Diverte ma veicola dei messaggi. Abbiamo tanto bisogno di essere sfamati da programmi così”. Un ruolo chiave sarà anche quello di Priscilla felicissima di poter finalmente parlare in Italia dell’arte Drag. Perchè è proprio questo il concetto che deve passare: si fa arte, intrattenimento anche se dietro appunto, c’è una storia da raccontare.  “Partecipare a Drag Race è il sogno di una vita. Ho lasciato l’Italia dieci anni perché non risucivo più a sentirmi a mio agio nel panorama italiano dell’arte drag. Sono la drag e l’uomo più felice del mondo nel ritornare in Italia e fare questo programma” ha detto Priscilla in conferenza stampa. Il ruolo di Priscilla sarò fondamentale, lei è la RuPaul tutta italiana che regalerà al pubblico frasi cult ma non in inglese: la lingua della nostra versione del programma saprà di dialetto napoletano.

Anche le parole di Tommaso Zorzi ci permettono di capire che cosa dobbiamo aspettarci da Drag Race Italia: “Io seguo RuPaul sin dalla prima stagione. E’ un programma che finché non lo fai non ti rendi conto di quello che c’è dietro. Le drag queen alle nove del mattino sono già al trucco e parrucco: sono pura adrenalina, sono completamente arte che cammina. Non ti aspetti quello che stanno per fare o per dire. Ti tolgono il fiato”. E la speranza è che davvero anche a casa arrivi il nocciolo: si parla di arte e si parla di una storia che c’è dietro a chi sceglie di essere una drag queen.

Drag Race Italia: cosa vedremo nella prima puntata e non solo

Nel format italiano, come in quello americano, ci saranno le mini sfide tra le più classiche, come quella del servizio fotografico. Se nella prima storica puntata di Drag Race, le drag posavano su una macchina con due bei ragazzi al loro fianco e con tanti secchi d’acqua da ricevere addosso, in Italia invece si vola a Venezia, location mozzafiato per la prima prova. Ci sarà poi anche la sfida principale, che permetterà alle concorrenti di vincere anche dei premi ma soprattutto di mettere in mostra il loro talento ( potrebbe essere una sfida nella creazione di un costume con oggetti imposti o con un tempo limite); e poi ci sarà chiaramente anche l’eliminazione. Nella prima puntata a giudicare le concorrenti ci sarà Cristina d’Avena. Successivamente ci saranno anche altri giudici e nella terza puntata ci sarà anche un omaggio a Raffaella Carrà. Tommaso Zorzi avrà un ruolo speciale: a lui l’intervista della drag eliminata.

Priscilla e la scelta di essere una Drag Queen

Durante la conferenza stampa di oggi Priscilla ha spiegato: “Dietro ogni personaggio, dietro ogni concorrente, c’è una persona che racconta la sua vita. Molte drag queen arrivano a fare questo lavoro perché è una liberazione. Molte drag queen arrivano da esperienze di vita difficili: vengono cacciate di casa, non vengono accettate, anche per il fatto di fare la drag queen. Vivono il palco come un riscatto. Per loro, essere in questo programma, è riscatto. E lo è anche per me”.

Chi sono le otto Drag Queen di Drag Race Italia

Su Discovery è già possibile vedere i primi video di presentazione delle concorrenti di questa prima edizione. Le otto concorrenti sono state infatti presentate con lo speciale “Meets the Queen“, già disponibile da mezzanotte di ieri. Conosciamo già i loro nomi: Ava Hangar, Divinity, Elecktra Bionic, Enorma Jean, Farida Kant, Ivana Vamp, Le Riche e Luquisha Lubamba. I video sono stati postati anche sui social e accolti con grandissimo entusiasmo da parte del pubblico che non vede l’ora di godersi lo spettacolo.

Le aspettative sono davvero altissime e non ci resta quindi che aspettare per poter anche dare un giudizio più articolato.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.