Paola Ferrari: “Mia madre ha cercato di uccidermi per ben tre volte”

Paola Ferrari verissimo

Ognuno nasconde i propri dolori ma la rivelazione di Paola Ferrari sulla madre è sconvolgente. A Verissimo racconta che sua madre ha cercato di ucciderla e non è accaduto solo una volta. E’ nella puntata di Verissimo che andrà in onda sabato 3 novembre che Paola Ferrari spiega che sua madre soffriva di seri problemi mentali ma per lei è stato un incubo. Era una bambina, si è difesa, si è salvata, non c’era nessuno che potesse aiutarla. Un racconto che davvero lascia senza parole. E’ per questo che la giornalista sportiva ha dovuto abbandonare la sua famiglia quando aveva solo 16 anni. E’ passato tanto tempo ma non solo non può dimenticare, non ha nemmeno mai perdonato sua madre.

Paola Ferrari a Verissimo: “Ho vissuto un incubo”

Avevo una madre con dei problemi mentali seri: ha cercato per ben tre volte di uccidermi quando ero piccola. Poi, sono riuscita a difendermi e sono scappata via di casa. Ero sola, mio padre era assente e non avevo fratelli che mi proteggessero. È stato un trauma molto difficile da superare”.

Non è riuscita a perdonarla anche se la mamma le aveva chiesto perdono. Oggi che non c’è più ha un forte senso di colpa: “Mi rammarico di non essere riuscita a perdonarla, nonostante lei me lo avesse chiesto. Quando poi mia mamma è venuta a mancare mi sono sentita in colpa. Su certe cose non riesco a voltare pagina”.

I problemi di cui soffriva la madre l’hanno sempre perseguitata. Paola Ferrari non sentiva il desiderio della maternità, non aveva istinto materno, aveva solo bisogno di lavorare. Poi è diventata madre e il legame con i figli è diventato fortissimo. “La gravidanza non è stata un periodo felice, non ero me stessa. Alla fine, ho fatto pace con tutte le mie paure e quando sono nati i miei figli è nato un amore fortissimo”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.