Patrizia Pellegrino incinta di Arianna, sua madre capì che c’era un problema

patrizia pellegrino figlia

A Verissimo Patrizia Pellegrino racconta della malattia di sua figlia Arianna, del periodo in cui era incinta della sua bambina e tutto sembrava perfetto, lo è stato fino ai 5 o sei mesi di gravidanza. Fu la madre di Patrizia Pellegrino ad accorgersi che c’era qualcosa di strano, qualcosa che non andava nella gestazione, in sua figlia. Arianna cresceva perfetta ma la sua nonna un giorno ha visto che Patrizia era strana, ha insistito per farle fare un’ecografia, la vedeva gonfia, troppo gonfia. Solo dieci giorni prima la Pellegrino aveva fatto un’ecografia ed era tutto normale. La showgirl si è lasciata convincere ed è statala sua fortuna perché la diagnosi è stata terribile. Sua figlia era affetta da una malattia grave e molto rara, sono pochissimi i casi in Italia.

Solo un parto anticipato ha salvato la vita di Patrizia Pellegrino e sua figlia Arianna

I medici le hanno detto subito che la bimba doveva nascere ma lei non voleva, si rifiutava. La convinse il ginecologo perché altrimenti non avrebbe più potuto vedere gli altri due figli. Patrizia Pellegrino aveva un blocco renale sarebbe morta dopo pochi giorni. Si è arresa ed è nata la piccola Arianna ma pesava davvero poche centinaia di grammi.

Anche lei ce l’ha fatta e oggi è una ragazza serena che ha lottato e continua a farlo. “Ha avuto dei danni al cervello, non cammina bene nella parte sinistra del corpo. E’ stata operata tantissime volte. Fuori per una passeggiata ha bisogno della carrozzella ma in casa è abbastanza sicura. Oggi è il suo compleanno e compie 23 anni“.

Patrizia Pellegrino ha anche raccontato del tumore che ha superato pochi mesi fa. Non ha più un rene ma per fortuna il tumore era circoscritto. Qualcuno l’ha salvata ancora una volta, lei crede molto in Dio, prega e lo fa con convinzione.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.