Alvise Rigo ricorda l’incidente e la paura delle conseguenze

alvise rigo

Alvise Rigo ricorda il suo incidente, era il 2017 ed era in campo, era un giocatore di rugby, la sua era una carriera brillante ma in un attimo la sua vita è cambiata. Giocava con il San Donà in un campionato di massima serie, quel giorno erano contro il Firenze. A Verissimo Alvise ricorda che ha subito un impatto testa contro testa; veniva da altri infortuni ma per Rigo quello è stato l’infortunio contro il quale era difficile combattere. Ha rischiato lo scalottamento, un’operazione al cranio ovviamente molto delicata, così gli hanno sempre spiegato i medici. Aveva fratturato il setto frontale e in un’altra partita in campo aveva già fratturato il naso, quindi ha rischiato l’operazione al cranio. E’ stato fermo tre mesi perché doveva evitare di alzare la pressione sanguigna ma quando è tornato in campo e ha provato non era più lo stesso. Ma aveva anche fratturato una caviglia ed è rimasto immobilizzato.

Alvise Rigo a Verissimo

In ospedale Alvise si è sottoposto a una serie di Tac, era necessario per i medici capire l’entità del danno per decidere cosa fare. Oggi non ha conseguenze, spera che non ne avrà mai ma sa che è una evenienza che potrebbe accadere. “Oggi è tornato tutto a funzionare” ma la paura resta.

A tutti è diventato noto grazie a Ballando con le Stelle, l’abbiamo visto danzare nell’ultima edizione del programma di Milly Carlucci, l’abbiamo visto accettare da gran sportivo tante critiche e poi stringere i denti e ballare ancora. La sua forza è il sorriso, continua a sorridere anche quando ricorda quei momenti difficili.

Pensa al futuro ma non riesce a pensare di diventare padre, non ancora. Il futuro lo spaventa, per un figlio avrebbe paura, adesso pensa non sia il momento, ma in realtà sembra non sia nemmeno innamorato.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.