Al Bano ospita una famiglia ucraina: “Adesso stiamo pranzando insieme”

al bano ucraini

In collegamento con Oggi è un altro giorno Al Bano Carrisi conferma che ha dato ospitalità a una famiglia ucraina. Al Bano ospita a Cellino San Marco tre profughi ucraini in fuga dalla guerra, li accoglie nella sua casa in Puglia, sono arrivati ieri sera, una madre con una bambina e un ragazzo di 18 anni. Fanno parte di un gruppo di circa quaranta profughi arrivati a Cellino dove tante famiglie si sono mobilitate per loro ospitando uno o due persone. Non sa quanto tempo resteranno ma Al Bano si augura che si trovino bene e che la sua terra possa in qualche modo lenire le loro sofferenze dare un po’ di pace.

Al Bano racconta il momento dell’incontro con la famiglia ucraina

Dopo avere raccontato del viaggio l’accoglienza più ovvia e immediata con la cena. Sono arrivati ieri sera e per loro hanno cucinato “una bella spaghettata, fagioli, piselli, ceci, elementi sani e puri…. Per il resto è presto per andare in profondità ma voglio che pian piano mettano radici e voglio agevolare ogni tipo di situazione perché immagino cosa hanno dovuto sopportare. Devo cercare il modo più nobile per addolcire le loro giornate future”. Al Bano desidera non solo ospitarli ma aiutarli per tutto il periodo di permanenza in Italia, sperando che presto possano fare ritorno nel loro Paese.

Poi racconta che in quel momento sono a pranzo tutti insieme, pasta e pollo e assicura che è tutto buonissimo. Il popolo ucraino ha bisogno di aiuto e non solo per fuggire dalla guerra arrivando in Italia o in altri Paesi ma anche di accoglienza, non hanno più nulla ma prima avevano tutto. Al Bano ha conosciuto Putin, non rinnega quel periodo ma ovviamente oggi è contro di lui come tutti. Confessa che non riconosce in Putin l’uomo che ha incontrato in passato. Forse è in passato che in tanti hanno commesso l’errore di credere di conoscerlo.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.