Elenoire Casalegno all’ottavo mese capì che la figlia era in pericola di vita

Grazie al suo istinto e ad un parto cesareo d'urgenza Elenoire Casalegno salvò la vita di sua figlia
elenoire casalegno figlia

Elenoire Casalegno è mamma di Swami che ha 23 anni ma ha rischiato di perderla, lo racconta a Oggi è un altro giorno. Quando la Casalegno era incinta all’ottavo mese ebbe una strana sensazione. Stava bene, nessun sintomo, nessun dolore, nessuna sofferenza ma svegliandosi al mattino ebbe forte la sensazione ci fosse qualcosa che non andava per la bimba. Ne parlò con Ringo che le suggerì di chiamare la ginecologa ma Elenoire si vergognava, non aveva da dirle molto se non quel timore forte che la agitava in modo particolare. Alla fine lo fece, chiamò il suo medico che la tranquillizzò dicendole che all’ottavo mese di gravidanza vivere questi timori è del tutto normale. Chiusa la telefonata dopo un po’ la ginecologa la richiamò pensando che un controllo ecografico non le avrebbe certo fatto male, così fece.

Elenoire Casalegno ha salvato la vita di sua figlia prima della nascita

Facendo il controllo la dottoressa si accorse che il battito della piccola era quasi inesistente, la bambina era in sofferenza, doveva nascere immediatamente. Non c’era tempo da perdere, rischiava di perdere sua figlia. Elenoire Casalegno era giovanissima, aveva 23 anni, la sua prima figlia, era terrorizzata ma non ebbe il tempo di capire cosa stesse accadendo. In un’ora era in sala operatoria, cesareo d’urgenza con anestesia generale. Al risveglio le dissero che Swami aveva il doppio giro di cordone al collo. Ha rischiato di perderla, se non fosse andata al controllo quella mattina, se non avesse chiamato il suo medico seguendo il suo istinto adesso non sarebbe madre.

Nell’intervista a Oggi è un altro giorno ne ha parlato aggiungendo questo episodio alle altre vite che ha salvato, sempre perché attenta ai dettagli, alle sensazioni. “Non sono perfetta, ho sbagliato, sono stata molto severa con mia figlia ma era così giovane, da sola e in una città che non era la mia” ammette oggi ma con Swami ha un legame fortissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.