Antonino: “Fiero di prendermi cura di mamma”

Per Antonino con Tale e Quale è tornato il successo, lui lo abbraccia mentre si prende cura della mamma
antonino malattia mamma

Concreto, pieno di talento, la testa e il cuore giusti, Antonino torna al successo con Tale e Quale Show ma oltre alla musica è fiero di prendersi cura della mamma. Lo racconta a Oggi è un altro giorno: “Sono il suo caregiver fiero, mamma ha l’Alzhaimer. Mi prendo cura di mamma dalla mattina, tutto ciò che le serve, anche solo un sorriso, anche per ricordarle qualcosa. E anche papà lo fa con le canzoni, con le loro canzoni, le mette e ballano e le permette di ricordare”. Antonino Spadaccino l’aveva promesso a sua madre che avrebbero fatto insieme cose folli per mantenere vivi i ricordi, almeno per quello che è possibile. E’ per questo che ha deciso di partecipare a Tale e Quale e crederci ancora. Antonino a Oggi è un altro giorno racconta dell’amore dei suoi genitori: “L’amore vero esiste, il primo uomo per mamma, la prima donna per papà e si sono scelti. Questo esempio mi ha fatto crescere in un certo modo e io per me non desiderio niente di più e niente di meno”. Un amore che arriverà se non c’è.

Antonino e l’amore finito con il suo compagno

E’ stato il suo compagno ad andare via, l’ha fatto in un momento difficile, durante la pandemia, quando le coppie e le famiglie sono rimaste chiuse in casa. Lui non ha voluto, è andato via, ha lasciato quella che era la loro casa e Antonino è rimasto solo, ha vissuto la solitudine a cui è riuscito a dare un valore importante. “La solitudine non è una cosa solo negativa. Se riesci ad andare a mangiare da solo al tavolo e stare bene vuol dire che stai rimettendo a posto i tuoi pezzettini, quindi, fai prima quello e poi ti concedi a qualcuno o anche no”.

Non vuole parlare di lui, non è l’unico che gli ha fatto del male ma Antonino sa che capita a tutti: “Un tradimento e non solo quello fisico ma anche nelle amicizie. E’ nei dettagli che noti anche un modo diverso di parlarti, magari ci sono amicizie invece come quella di Amma che ci si può non sentire per un mese ma non cambia nulla e lo sai”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.