Sangiovanni stava male e racconta di ansia, paranoie e farmaci: “Adesso sto bene”

I ragazzi che hanno seguito Amici adorano Sangiovanni ma non è questo che lo ha guarito dalla sua ansia, dalle paranoie, c’è la musica dietro tutto. Il secondo arrivato nell’ultima edizione di Amici si racconta a Tv Sorrisi e Canzoni. In parte qualcosa si conosceva della sua vita, è giovanissimo, diciottenne da poco ma già con il bisogno di farmaci e psicoterapia. Adesso Sangiovanni sta bene e racconta la sua sofferenza, non erano problemi banali e ha cercato di affrontarli ma solo quando ha iniziato a scrivere le cose sono migliorate davvero. Nella sua intervista spiega che era come uno di quei film horror dove c’è un demone interiore che ti imbruttisce. Paranoie che smettevano quando le sue parole finivano sulle note del cellulare: “Era come se per un po’ me ne potessi liberare”.

SANGIOVANNI: “LA SCUOLA ERA UN INFERNO”

La scuola era diventata un inferno. Un conto è quando vieni bullizzato dai compagni, un altro conto è quando anche i professori ti dicono: ‘Tu non combinerai mai niente nella vita’. Mi chiudevo in camera senza amici, incompreso”. Il cantante di Amici racconta quello che era il suo disagio e che l’ha portato a crescere in fretta: “Quel ‘disagio’ mi ha portato a essere un uomo grande troppo presto. Non sognavo, non giocavo e tenevo tutto dentro”.

E’ grazie alla musica e ad Amici se è riuscito a trovare quello che definisce il suo posto nel mondo. Ed è con Giulia che riesce ad essere il bambino che non è stato. Non stava bene quando è entrato nel talent show di Maria De Filippi ma lì ha trovato persone che pensa siano adorabili e così ha trovato se stesso. Aveva paura di uscire, aveva paura di tornare alla “triste normalità” e invece ha scoperto che quella casetta gli ha dato la libertà e che era “enorme come tutto il mondo… Adesso sto bene”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.