Soleil Sorge travolta dalle accuse di razzismo scoppia a piangere prova a spiegarsi e pensa di andare via

Soleil Sorge va in crisi. Pomeriggio parecchio complicato per l’influencer che è stata informata di quello che è successo nelle ultime ore. Non aveva infatti pensato che Ainette e Samy si fossero sentiti offesi dalle sue parole e quando lo ha capito, non ha accettato le accuse. Respinge tutto al mittente: non era sua intenzione usare frasi offensive in tono razzista. Si è vero ha detto che è ignorante, che non conosce l’italiano, ma le altre parole usate, non avevano nessuna valenza razzista. Non la pensano come lei però tutti in casa e infatti già ieri sera Raffaella Fico aveva accusato Soleil di aver usato delle frasi inopportune. “Io sono davvero mortificata se è stato letto in quel senso lì” ha detto Soleil parlando con Sophie Codegoni.

Queste parole che tu dici hanno ferito e non si può criticare il dolore altrui, Soleil. Questa parola ‘scimmia’ è stata usata contro Ainett, contro Lulù quando aveva sette anni perché aveva i peli, contro la figlia di Raffaella per i capelli” hanno detto Manila e Jo a Soleil. La ragazza si è resa conto di quello che poteva essere successo ma ha subito chiarito che la parola “scimmia” era rivolta a tutti, non di certo alle persone di colore.

Qui quello che era successo ieri sera

Le parole di Soleil dopo le accuse di razzismo

Io sono cresciuta a Los Angeles, per me il razzismo non esiste nella mia vita, eh! Il dare delle scimmie è perché urlavano, wow! Ma come si permettono? A me viene da piangere, ho vissuto ovunque. Erano in cinque persone ad urlare, ho detto ‘ma ragazzi sembriamo, anzi sembrate perché io non lo sto facendo, delle scimmie’. Se volevo offendere Ainett avrei detto ‘sembri una scimmia’. No? E’ sbagliatissimo questo accostamento razziale, ne sono anche io a conoscenza che il termine ‘scimmia’ viene accostato al termine razziale.

Soleil si è anche messa a piangere, provando a spiegare che era lontanissimo da lei pensare a delle frasi razziste. “Se vogliamo montare questo caso io esco da questa casa“. E ancora: “Io voglio chiarire questo fraintendimento perché la mia intenzione era dire ‘sembrate un casino’, ‘sembrate un circo’. Ho vissuto tutta la vita con persone di ogni colore e mi fa schifo il razzismo e qualsiasi barriera fra persone. Mi uccide sapere che gli altri abbiano pensato questo“.

Jessica ha provato a spiegare a Soleil che avrebbe solo dovuto chiedere scusa, senza spiegare e aggiungere altro. “Se io mi scuso e basta sembra che lo abbia detto davvero in senso razzista ma non è così. Io mi sento morta dentro, mai nella vita lo avrei detto” ha spiegato Soleil a Jessica e a Sophie. “Io non voglio questo genere di visibilità me ne posso anche andare” ha detto la ragazza.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.