Sul caso Mietta l’ultima parola è dell’amministratore delegato Rai, Carlo Fuortes

mietta vaccino

Domani sera a Ballando con le Stelle si parlerà anche del caso Mietta, forse solo della possibilità della cantante di restare o forse sarà ancora Selvaggia Lucarelli a proseguire la polemica. Anche Milly Carlucci ha chiarito la sua posizione ma è all’ad della Rai che spetta l’ultima parola. Carlo Fuortes, amministratore delegato Rai chiude il caso Mietta. E’ lui a fare chiarezza anche se tutto sembrava già abbastanza chiaro. Non esiste obbligo vaccinale, questo lo sanno tutti, quindi non si può costringere nessuno a fare il vaccino, Mietta e altri erano e sono ovviamente liberi di scegliere. E’ il green pass ad essere obbligatorio. Niente di nuovo ma le parole di Fuortes mettono un punto sulla vicenda: “Non esiste obbligo vaccinale e noi non possiamo costringere dipendenti, conduttori o autori a vaccinarsi”.

Prosegue la polemica sul mancato vaccino di Mietta

Selvaggia Lucarelli non intende però chiudere il caso sollevato nella seconda puntata di Ballando con le Stelle. Ha spiegato il perché per lei è un problema lavorare in un contesto in cui ci sono persone non vaccinate ma cosa dirà dopo l’intervista di Carlo Fuortes a La Repubblica?

“La Rai, come tutte le imprese, è tenuta a rispettare le leggi dello Stato. Chi partecipa ai programmi deve esibire il Green Pass. Cosa che è stata fatta” niente di più semplice ma resta tutto il seguito di polemiche, di divisione tra chi è vaccinato e chi non ha intenzione di farlo, chi si giustifica con problemi di salute e chi pur avendoli si è vaccinato.

Mietta, dopo avere spiegato le sue ragioni, dopo avere chiesto che le venissero fatte delle scuse perché è stata violata la sua privacy, non ha aggiunto altro. Domani sera in diretta su Rai 1 conosceremo il seguito, almeno per quanto riguarda la sua sorte a Ballando con le Stelle.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.