I cereali a colazione fanno male?

Fare colazione con latte e cereali è il modo giusto per iniziare la giornata? Molti risponderanno istintivamente di si perché è noto che questa combinazione sia equilibrata, nutriente e leggera al tempo stesso. Ma un nuovo studio dell’americana Ewg potrebbe mettere in crisi questa convinzione.

ECCO COME SCEGLIAMO LA COLAZIONE

La ricerca ha messo a confronto i nutrienti contenuti in oltre 1550 tipi diversi di cereali da colazione e circa 1000 barrette snack a base di cereali, per dimostrare come l’eccessiva percentuale di vitamine e folati in essi presenti possa diventare nociva per i bambini più piccoli e per le donne in gravidanza. I test riguardano ovviamente prodotti venduti negli Usa ma il discorso ha valenza internazionale. L’aggiunta di vitamina A, zinco, ferro e folati serve a rendere i cereali più appetibili dal punto di vista commerciale ma può avere effetti per la salute, come ha spiegato Renee Sharp, direttrice dell’Ewg e co-autrice della ricerca. Se in linea di massima infatti sono tutte sostanze che fanno bene, il discorso cambia per bambini e donne incinta: alte dosi di vitamina A possono perfino diventare tossiche e causare danni al fegato e problemi alle ossa con conseguente rischio di fratture.

I DOLCI A COLAZIONE FANNO MALE?

Nelle donne in gravidanza non si possono escludere malformazioni al feto. L’eccesso di zinco può rallentare l’assorbimento del rame con scompensi nel rapporto tra globuli rossi e globuli bianchi. Effetti indesiderati per chi assume troppa niacina si registrano invece nella pelle. Non si è fatta attendere la risposta di Ashley Koff, dietologa ed ex consulente pubblicitaria per il marketing delle aziende di cereali americane, che ha affermato come gli apporti di nutrienti nei cibi normali forniscano la giusta quantità al nostro corpo riducendo i rischi. Come spesso accade la risposta sembra risiedere nella giusta misura delle cose: una tazza di cereali la mattina non può certo essere considerata dannosa mentre il discorso cambia se le dosi superano quelle giornaliere consigliate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.