Come fare i compiti delle vacanze con i bambini

Come aiutare i bambini a fare i compiti delle vacanze? Con il caldo la voglia di studiare solitamente non è molta: come biasimarli!? Ma fare con costanza gli esercizi giornalmente assegnati è importante per non perdere allenamento e non rischiare di dimenticare il lavoro fatto durante l’anno scolastico. La scuola è finita e probabilmente a giugno molti bambini si sono goduti un po’ di riposo. Ora però è il momento di fare i compiti delle vacanze, o almeno di iniziare.

VIP IN VACANZA CON I FIGLI – CLICCA QUI PER LE FOTO

E’ importante che i genitori aiutino i bambini a programmare il lavoro prevedendo un momento fisso della giornata da dedicare ai compiti. E’ giusto infatti intendere lo studio come un impegno fisso da prendere seriamente e con costanza. Si può ad esempio stabilire di fare i compiti i giorni dispari, un’ora al giorno. Molto dipende ovviamente anche dalla mole di lavoro assegnata dalle maestre. Il controllo dei genitori in questa fase è fondamentale: è troppo pretendere ch un bambino in età scolare abbia la determinazione per organizzarsi autonomamente in maniera matura e responsabile. Di solito sono le mamme ad occuparsi dei compiti delle vacanze ma, quando possibile, è consigliabile coinvolgere anche il padre, magari dividendosi le materie. L’errore opposto è quello di stare con il fiato sul collo ai bambini caricandoli di pressione o, peggio ancora, fare i compiti al loro posto. Se i compiti sono effettivamente troppi meglio scrivere una giustificazione al rientro a scuola piuttosto che esonerarlo dalla responsabilità facendo i compiti al posto suo. Chi ha più figli dovrebbe evitare di fare paragoni tra fratelli: il confronto con chi è più diligente serve solo ad indispettire ancora di più il bambino facendogli vivere il momento dei compiti come un dovere odioso. E’ fondamentale inoltre prevedere delle pause divertenti ma al tempo stesso costruttive, ad esempio visite ai musei o passeggiate.

APPELLO DI CROZZA: TROPPI COMPITI E POCHE LETTURE A SCUOLA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.