Malattie reumatiche sintomi: come riconoscerle prima che sia troppo tardi

riconoscere i sintomi delle malattie reumatiche

I sintomi delle malattie reumatiche vengono scoperte, quasi sempre, in ritardo. Sono circa sei milioni di italiani che soffrono di queste patologie, attraverso le quali si rischia di andare incontro ad un’invalidità. Ciò accade perché spesso si trascurano i primi sintomi della malattia. Tra le più comuni vi sono l’artrite reumatoide, l’osteoporosi e l’artrosi. Le ultime notizie rivelano che queste patologie hanno in comune il fatto che vengono spesso diagnosticate in ritardo.

SINTOMI MALATTIE REUMATICHE ULTIME NOTIZIE: TALI PATOLOGIE SONO SOTTOVALUTATE

Sono sei milioni gli italiani che soffrono di malattie reumatiche. Molte di loro arrivano a scoprirle quando ormai è troppo tardi e, per tale motivo, si può andare incontro ad un’invalidità, anche permanente. Le malattie reumatiche più comuni sono l’artrite reumatoide, l’osteoporosi e l’artrosi. Più rare, invece, sono il lupus eritematoso, alcune patologie autoimmuni e la sclerodermia. Tutte queste malattie hanno un particolare molto importante in comune, ovvero che vengono scoperte in uno stadio già avanzato. Pertanto, è fondamentale riconoscere subito i sintomi di tali malattie reumatiche. Secondo quanto dichiara il Presidente Nazionale della Società Italiana di Reumatologia, Mauro Galeazzi, queste patologie sono parecchio sottovalutate. Infatti, i pazienti arrivano a riconoscere solo di fronte a forti dolori che impediscono la mobilità. Queste malattie rappresentano la prima causa di disabilità in Italia. Riconoscendo subito i sintomi, di andrebbero ad evitare diversi danni. Tali patologie reumatiche colpiscono persone di diverse fasce d’età, ma riguardano soprattutto gli adulti. Oggi sono disponibili varie terapie, che risultano essere efficaci.

RICONOSCERE I SINTOMI DELLE MALATTIE REUMATICHE: LA NUOVA CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE

E’ importante riconoscere subito i sintomi delle malattie reumatiche, per evitare la progressione. Bisogna dare subito importanza ai dolori, alle tumefazioni e alle infiammazioni delle articolazioni. Se questi sintomi persistono per più di tre settimane, è necessario parlare con un medico, soprattutto se la rigidità riguarda le mani. I dolori, secondo quanto rivela il direttore dell’Unità Operativa Complessa di Reumatologi dell’Istituto Ortopedico Gaetano Pini di Milano, Luigi Sinigaglia, i dolori si presentano di mattina, dopo il risveglio e durano per qualche ora. Nei giovani, dolori lombari che arrivano sino alla natiche e alle cosce possono essere sintomo di una malattia reumatica. Per coloro che hanno superato i cinquant’anni di età, rappresenta un sintomo quello di avvertire dolore notturno e mattutino alle spalle, che impedisce i regolari movimenti. Da non sottovalutare i dolori alle anche, il mal di testa e la perdita di peso. Per riconoscere queste malattie, la Società Italiana di Reumatologia ha creato la campagna #ReumaDays. Le ultime notizie rivelano che a Rimini, Pescara, Ragusa, Potenza, Ancona, Brescia, Siena, Cagliari, Perugia e Udine, precisamente nelle piazze, saranno installati dei punti informativi per divulgare il materiale necessario per riconoscere i sintomi di queste malattie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.