Il coronavirus sopravvive su smartphone e banconote? Lo studio

Il coronavirus sopravvive su smartphone e banconote? Ecco cosa dice un recente studio
coronavirus e smartphone

Il coronavirus sopravvive su smartphone e banconote? E’ uscito un interessante studio al riguardo che sostiene la capacità, da parte del Covid 19, di “restare” su dispositivi elettronici e soldi per circa ventotto giorni. Un tempo molto lungo, dunque, che dovrebbe indurci a non abbassare la guardia quando si maneggia il cellulare o si fa qualche spesa in contanti.

Il coronavirus sopravvive su smartphone e banconote? Lo studio

Lo studio in questione è stato condotto dai ricercatori della Csiro, l’agenzia scientifica nazionale australiana, ed è stato pubblicato sulla rivista Virology Journal. Durante il periodo di ricerca che si è svolto presso l’Australian Center for Disease Preparedness (ACDP) a Geelong, è emerso che il Coronavirus ha grandi capacità di resistere su superfici comuni come il vetro (che appunto troviamo negli smartphone) e in particolare sulle banconote. Ecco perché diventa fondamentale lavarsi sempre le mani quando si toccano i soldi o il cellulare: potrebbero infatti essere entrambi veicoli di contagio. La ricerca sottolinea che il Covid 19 sopravvive più a lungo alle basse temperature e tende a resistere maggiormente su superfici non porose o lisce come vetro, acciaio inossidabile e vinile. Le superfici porose complesse, invece, sono quelle in cui il Coronavirus riesce a sopravvivere meno. Un esempio di superficie porosa complessa è il cotone.

Il coronavirus sopravvive su smartphone e banconote? La parola all’esperto

Larry Marshall, alla guida del Csiro che ha condotto la studio, ha cercato di fare chiarezza sul rapporto tra Coronavirus e alcune superfici che spesso tocchiamo durante il giorno e che possono rivelarsi pericolose per il contagio: “Stabilire per quanto tempo il virus rimane realmente vitale sulle superfici ci consente di prevedere e mitigare la sua diffusione in modo più accurato e di fare un lavoro migliore per proteggere la nostra gente“. I risultati dello studio infatti indicano che il virus può rimanere infettivo sulle superfici per lunghi periodi di tempo. Ancora una volta, è utile quindi sottolineare l’importanza di una corretta igienizzazione delle mani per abbassare i rischi di contagio. Lavarsi le mani spesso è un comportamento assolutamente efficace per fare in modo che il virus non sia in grado di contagiarci.

I ricercatori sostengono che capire per quanto tempo il virus sia in grado di restare su determinate superfici è di fondamentale importanza per lo sviluppo di strategie di mitigazione del rischio nelle aree considerate ad alto contatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.