Smart working e mal di spalla: gli strumenti che aiutano per il mal di scrivania

mal di spalla lavoro

Con il Covid 19 molti più lavoratori hanno iniziato a svolgere i loro impegni professionali da casa approcciandosi allo smart working. La stessa cosa vale anche per gli studenti che hanno cominciato a sperimentare le lezioni online. Sicuramente lavorare da casa ha i suoi vantaggi ma pure qualche svantaggio. In tanti, per esempio, ne risentono dal punto di vista fisico. Stando tante ore su una sedia inadeguata, appoggiati ad un tavolo che non è la scrivania dell’ufficio o il banco di scuola, ci possono essere alcuni disagi come il mal di schiena. Ad oggi però esistono tanti modi per combattere questo problema con strumenti e supporti specifici. Non solo, anche a casa si può ricostruire un ambiente idoneo che ricrei le comodità dell’ufficio ( e a volte si può anche stare più comodi).

Gli strumenti per combattere il mal di schiena da smart working

Ecco alcuni strumenti che possono aiutare in questi casi:

  1. Sedia specifica: è la vera base di tutto. Ne serve una ergonomica, comoda, adatta e che faccia prendere la giusta postura a chi la utilizza. La giusta sedia, o anche poltrona, deve essere regolabile in modo tale che il lavoratore possa sistemarla a seconda delle sue esigenze fisiche e riesce a mantenere dritta la spalla.
  1. Poggiapiedi: è fondamentale se la sedia o la poltrona non ne è dotata. Questo piccolo strumento non è affatto banale e serve per per aiutare la postura della schiena e sostenere anche le gambe per un maggiore comfort fisico.

Come potrete vedere nel primo prodotto che abbiamo selezionato, si tratta di un poggiapiedi dal design ergonomico – Lo speciale design ergonomico a forma di cupola aiuta a distribuire il peso per un lungo periodo di tempo e riduce la pressione di stare seduti sui piedi e sulle gambe per lungo tempo. Se lavori in ufficio o a casa, puoi anche rilassare le gambe e la schiena mentre giochi. Il poggiapiedi non solo corregge la postura seduta, ma allevia anche il disagio nella zona della spalla o del disco intervertebrale.

  1. Poltrona massaggiante: può essere una buona soluzione non solo per aiutare chi soffre di mal di schiena ma anche per rilassare il lavoratore durante i suoi compiti giornalieri. In questo senso ci sono in commercio anche le sedie auto riscaldanti che riguardano soprattutto la zona della spalla e del collo.

In questo caso il secondo prodotto è perfetto per chi affronta spesso conference call on line. Riunione stressante? Sciogli i nervi con un bel massaggio! Lo schienale ha 6 punti massaggio (4 nello schienale e 2 nella seduta) e ha funzione riscaldante sul cuscino lombare.

  1. Cuscino lombare (anche fai da te): si può pensare di acquistare un cuscino posturale per combattere il mal di schiena da smart working da mettere sul fondo della schiena. Si può trovare anche una soluzione alternativa e decisamente economica, a costo zero. Lo strumento si può ricreare prendendo un asciugamano e arrotolandolo con cura. La posizione sarà la stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.