Per Emma Marrone è la fine di un incubo e della malattia (Foto)

Quindici giorni fa Emma Marrone ha avuto paura che la malattia era tornata, che dovesse di nuovo fare i conti con il tumore (foto). Aveva paura di rispondere al telefono, era il suo medico, e tra le pagine di Grazia oggi racconta tutto. L’esito degli esami di Emma Marrone ha evidenziato che questa volta è uscita definitivamente dalla malattia, il suo medico ha usato queste parole e la cantante annuncia a tutti la sua vittoria. Un anno fa la Marrone si era fermata proprio nel pieno del suo lavoro, era necessario subisse un intervento. Aveva preoccupato tutti con quell’annuncio, con quello stop che rendeva chiaro di nuovo il suo problema di salute. Invece oggi può dirlo con grande gioia: “Sono morta e risorta”.

EMMA MARRONE: “VOGLIO RAPPRESENTARE LE DONNE CON LE CICATRICI”

Non si è nascosao dietro i silenzi ma non ha nemmeno mai rivelato i dettagli, non c’era alcun bisogno. Emma è il personaggio famoso che senza grandi post e clamori ha sempre mostrato macchie e anche i chili in più quando il gonfiore era evidente. Il suo messaggio è sempre forte: “Voglio rappresentare le donne con le cicatrici. Voglio rappresentare le ragazze coi tagli, quelle che hanno perso il seno, le imperfette, le sopravvissute”.

Non c’è altro da aggiungere se non il suo racconto, la sua paura in questi mesi, il suo momento peggiore, quello in cui ha squillato il telefono, era il suo medico. Ha pensato: “Ci risiamo. Ho immaginato che dovessi ricominciare da capo. Invece mi diceva che, in base agli ultimi esami, sono uscita definitivamente dalla malattia. Ecco, in quell’istante sono morta e risorta”. 

La sua famiglia è sempre stata con lei ma è Emma che è riuscita a essere più forte di tutti, anche a nascondere le lacrime davanti a sua madre prima di entrare in sala operatoria e subito dopo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.