Sbagliata ascendente Leone: il potente, empatico e coraggioso racconto di Emma Marrone

Emma Marrone si racconta senza filtri nel documentario Sbagliata Ascendente leone su Prime Video: la recensione
sbagliata ascendente leone

C’è la vera Emma Marrone sotto il vapore di quella doccia senza filtri che ce la mostra come è, al mattino, appena sveglia, mentre ascolta la sua playlist per partire alla grande. C’è Emma ai piedi del divano, voce narrante della sua storia. Sbagliata ascendente Leone è il racconto di una artista, di una donna, di una persona umana con i suoi pregi e i suoi difetti. Di quei tanti bivi, gli sliding doors della vita, che hanno portato Emma a essere quella che è diventata oggi. Lei si definisce sbagliata, forse però è solo una persona giusta in un mondo fatto di cose sbagliate. “Nonostante tutto quello che mi è successo, mi reputo la ragazza più fortunata sulla terra” dice Emma, dopo aver raccontato della sua terza volta, la terza volta in cui ha scoperto di doversi sottoporre nuovamente a una operazione per combattere il brutto male che già dieci anni prima aveva bussato alla sua porta. Racconta Emma di quella volta in cui ha dovuto scegliere: il provino di Amici, la visita di controllo per capire che cosa sarebbe stato del suo destino. Ha scelto la musica, perchè sapeva, che forse, la avrebbe cambiato per sempre la vita. Ed è successo. “Il resto è storia” racconta la cantante, mentre ripensa a quel provino, alla scuola di Amici, a Maria de Filippi, ancora oggi una delle persone più importanti della sua vita.

Sbagliata ascendente leone il docu film di Emma Marrone da vedere

Ci sono le lacrime, ci sono i momenti di sconforto ma anche le risate, gli amici, le persone speciali. “Non sono mai sola” racconta Emma che a 25 anni si è ritrovata a Roma , in una nuova città, con un successo tutto da costruire e il sogno di una vita che si stava realizzando. Si è portata dietro gli amici della sua terra, si è portata dietro le sue radici. Cucina, canta, sogna. Emma con i suoi genitori, con la sua mamma e il suo papà, con suo fratello. C’è Francesca, che è la persona di cui la Marrone si fida di più al mondo e lo racconta, per far capire quanto speciale possa essere anche una amicizia.

Ma ci sono anche i momenti difficili. Non solo per gli ostacoli della vita, ma per quello che accade intorno a noi. La cattiveria, l’invidia, l’ignoranza. Ce lo ricorda Emma, invitando tutti a riflettere. Perchè prima di giudicare la vita di una persona, bisognerebbe conoscere la storia di chi si ha di fronte, perchè “non si può sapere quanta merd* quella persona ha spalato prima di arrivare dove è arrivata.”

C’è Emma con la sua chitarra, Ema sul palco da bambina, Emma con il suo amato papà. Ci sono gli aneddoti, i sorrisi, quelli che resteranno per sempre nonostante la vita, ancora una volta, è stata crudele con Emma. Le ha tolto un pezzo del suo cuore. Si va avanti, si trova nella musica la forza di raccontarsi. Oggi Emma è una donna uguale a quella di 10 anni fa per certi versi, mutata per altri aspetti. Oggi veste Gucci, 10 anni fa lottava per trovare uno stilista che credesse in lei, nel suo talento, nella sua scalata al successo. Le radio non passavano le sue canzoni, nessuno comprendeva quello che raccontava. Si evolve Emma, cambia autori, cambia produttori ma sempre con un solo scopo: quello di raccontare la sua verità. Senza filtri, per quello che è. La vediamo piangere, travolta dall’ansia prima del concerto di Vasco Rossi. Grata alla vita, grata alla musica per gli incontri speciali. Abbracciata dalla sua mamma, coccolata da Maria De Filippi. Sul palco travolta dall’affetto e dall’amore dei suoi fan, dei suoi collaboratori, dei suoi amici. E’ una Emma non sbagliata, quella che si racconta nel documentario che ci mostra un altro pezzetto della vita di un artista.

Generosità, passione, caparbietà ma anche la debolezza di una donna in un mondo in cui spesso le donne, sono il tuo peggior nemico. Non se lo spiega Emma, lei che abbraccia ogni battaglia per le donne. Non se lo spiega quell’odio che le viene riversato spesso addosso. E forse se ne fa una ragione, ma non riesce a tacere di fronte all’ignoranza, alla potenza di un insulto che può annientare. Lei ha la corazza, forgiata al fuoco di mille attacchi, eppure c’è sempre quel lembo di pelle che può essere squarciato e la ferita fa più male. Lo ribadisce, preferisce essere sbagliata in questo mondo, dove ci si nasconde dietro a una tastiera per giudicare le scelte, dove si vogliono dare etichette per forza , dove non si è liberi di scegliere.

E’ un invito a non arrendersi mai, quello di Emma. E’ un invito a lottare per il proprio modo di fare, per il proprio modo di essere, per i propri sogni. “Essere sbagliati è la cosa più giusta che si posso fare nella vita“ un mantra per tanti ragazzi e tante ragazze che di fronte a questo potente, empatico, coraggioso racconto di Emma, potranno trovare un esempio da seguire.

Sbagliata ascendente leone è un film documentario italiano del 2022 diretto da BENDO e basato sulla vita della cantante e attrice Emma Marrone. E’ attualmente disponibile sula piattaforma Prime Video. Il documentario è stato diretto da BENDO, duo di registi formato da Lorenzo Silvestri e Andrea Santaterra, con la sceneggiatura degli stessi con Federico Giunta. Le riprese sono state effettuate in due anni, dal 2020 al 2022, seguendo la vita privata e lavorativa di Emma in diverse località, tra cui Aradeo, in provincia di Lecce, paese d’origine dei genitori della cantante, Roma, Imola, Milano e l’Arcipelago Campano. Vediamo Emma a X-Factor, Emma sul palco di Sanremo, Emma con Vasco Rossi, con Loredana Bertè e sul palco dell’Arena di Verona per i suoi 10 anni di carriera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.