Al Bano in tv dopo la morte di mamma Jolanda, l’emozione di cantare per lei per l’ultima volta (Foto)

al bano carrisi

Dopo la morte di mamma Jolanda il ritorno in tv di Al Bano è nel programma di Simona Ventura; per il cantante un ricordo commosso pensando a quando ha cantato per lei in chiesa (foto). Nella chiesa di Cellino San Marco vietata alle telecamere l’ultimo saluto alla madre di Al Bano, per lei suo figlio ha voluto cantare alcune delle sue canzoni, quelle che amava tanto, quelle con cui la ricorderà per sempre. Aveva 96 anni mamma Jolanda Ottino ma è sempre troppo presto vederla andare via. A lei Carrisi aveva anche dedicato il libro “Madre mia, l’origine del mio mondo” e un documentario già visto in onda su Rete 4. A Settimana Ventura il cantante 76enne ha raccontato ancora una volta della sua lunghissima carriera ma questa volta ha aggiunto anche altri particolari parlando di droga. Ovviamente non ne ha mai fatto uso ma una volta gli proposero di diventare spacciatore. Davvero assurdo immaginarlo in quella veste di venditore di morte. Arrivato a Milano gli proposero di vendere delle “bustine” ma suo padre l’aveva messo in guardia e ovviamente respinse quell’offerta.

AL BANO IN TV A SETTIMANA VENTURA

Una proposta così assurda che anche Simona Ventura non comprende subito il significato due quelle bustine capendo che invece si trattava delle “bustarelle”, ipotizzando manovre di corruzione. Sì, già in quegli anni c’era lo spaccio di stupefacenti. Al Bano rispose che gli bastava lo stipendio che prendeva, con 25 mila lira al mese viveva benissimo, non aveva bisogno di altro.

Il racconto del cantane di Cellino San Marco prosegue passando da un episodio all’altro, dai suoi lavori come cameriere e altro, dall’ananas comprato pensando fosse carne, all’esordio come cantante. Come non parlare anche di Romina Power e Loredana Lecciso. Conferma di essere monogamo e accanto alla bellezza di entrambe aggiunge l’intelligenza volendole proteggere ancora una volta dal gossip.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.