Dopo Bugo torna a parlare Morgan e rincara la dose: si dice vittima di violenze per settimane

Come abbiamo già scritto nel pezzo dedicato alle parole di Bugo nella conferenza stampa dell’8 febbraio 2020 ( che potete leggere qui) la complicata battaglia tra i due finirà nelle sedi opportune, che non sono quelle di un portale web chiaramente. Ma noi siamo qui per raccontare e lo facciamo. Dopo i vari sfoghi della nottata, Morgan ha deciso di indire una contro conferenza stampa, non presentandosi a quella ufficiale dove invece stava parlando Bugo, per ribadire la sua posizione. “Come mai tutto questo interesse? Non vi interessavano più i vestiti di Achille Lauro?” ha detto Morgan che ben sa come il gesto fatto ieri sera, lo stia rendendo invece protagonista ( cosa che non sarebbe successa se la canzone non fosse stata squalificata, restando tra le ultime in classifica).

Ci limitiamo comunque a riportare la versione dei fatti di Morgan, ricordando che Bugo, nella sua, non ha parlato di risse, di violenze ma solo di parolacce e offese verbali.

E’ GUERRA TRA MORGAN E BUGO: ARRIVA LA CONTRO RISPOSTA DI MORGAN

Ecco le parole di Morgan dalla conferenza stampa dell’8 febbraio iniziata intorno alle 17

“Valerio Soave, mio ex manager e attuale discografico di Bugo ha detto che “io non sto bene e devo essere aiutato? Lui non mi ha aiutato. Io sto bene, sto benissimo. Soave è il responsabile della frattura tra me e Bugo. Io sto bene, sto benissimo. Un manager che gestisce un artista e gli rovina il sogno della vita è un bravo manager? Il sogno di Bugo era fare Sanremo con me. Ho detto alla Rai mandate via Soave. Il suo intento era che me ne andassi, per far emergere Bugo. Mi ha fatto mobbing. Soave è stata la mina, il responsabile della frattura. È falso. Deve starmi lontano. Mi ha messo le mani addosso nella prima riunione in casa discografica. Non l’ho denunciato perché lo ritengo un fuori di testa. Mi ha messo le mani addosso perché gli ho detto che è un malandrino

Valerio Soave nella conferenza di Bugo aveva detto di non aver denunciato Morgan solo perchè pensa che abbia bisogno di aiuto ma che ha tutte le prove per dimostrare quello che dice.

Continuiamo però con le parole di Morgan: il cantante conferma che Bugo non sapeva nulla della canzone, dei foglietti portati in diretta.

Ammettendo di averlo chiamato più volte figlio di [email protected] ieri, Morgan continua: “Bugo lo apprezzo come cantautore e come amico. Sono addolorato per come sta andando; era una persona amica, ma sta agendo in modo assolutamente nemica nei miei confronti perché è caricato a molla da chi lo gestisce. Lui è non lucido, ha iniziato a scrivermi ‘nano Mozart del cazzo’, che tristezza.

E ancora:

Ci ho messo la mia faccia e gli ho fatto un favore. Il gesto di ieri arriva alla fine di soprusi, sono stato villipeso. Sono stato usato per farlo entrare qua. Mi hanno tolto la stanza d’albergo. Ho subito del mobbing. Bugo soffriva del confronto sul palco. Non reggeva. Non regge il palco. La canzone di Endrigo l’ha violentata. È andato avanti al palco perché è un dilettante. Dopo gli ho detto ‘hai fatto una cazzata, sei un coglione’ (…) Bugo si è fatto soggiogare da associazione a delinquere con la Rai, all’insaputa di Amadeus. Lo ringrazio, è l’unico con la testa sulle spalle che non ha fatto cazzate.

Morgan ha continuato a parlare di violenze subite, del fatto che per Bugo questa fosse l’ultima possibilità e ha ribadito:

Avrebbe venduto sua madre, ero la sua ultima chanche. Mi dispiace, perché mi sembra di impallinare uno debole. Io ho chiesto dei soldi, sì, ma tanto la Siae mi viene pignorata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.