Demi Lovato racconta per la prima volta dello stupro ma non è stata l’unica volta

dancing with the devil demi lovato

Demi Lovato – Dancing with the Devil è la docu-serie attesa il 23 marzo su YouTube ma lei rompe il silenzio e anticipa altro. Per la prima volta Demi Lovato racconta di essere stata stuprata quando aveva solo 15 anni; è così che ha perso la verginità. Racconta dei sensi di colpa, della vita che da quel momento per lei è cambiata perché ha iniziato a farsi del male fino a vomitare sangue, a tagliarsi. Non è stata l’unica violenza che ha subito, perché nel 2018, quando andò in overdose il suo spacciatore abusò di lei. La cantante torna all’incubo di tre anni fa, ha rischiato di morire, la trovarono nuda e blu, lo spacciatore dopo la violenza l’aveva lasciata senza chiedere aiuto. Sembra che Demi Lovato avesse ricevuto dallo spacciatore eroina mista a Fentanyl con l’intenzione di aggredirla.

DEMI LOVATO HA CAPITO COSA ERA ACCADUTO SOLO UN MESE DOPO

“Quando mi sono svegliata ero in ospedale e mi hanno chiesto se avessi avuto dei rapporti sessuali consensuali. Avevo un flash di lui sopra di me e ho risposto di sì. Un mese dopo l’overdose, però, ho capito che non ero in uno stato d’animo per prendere una decisione consensuale”. Non è stata l’unica volta, non è stata l’unica violenza subita.

Racconta poi che la sua prima volta non è stata romantica. La Lovato conosceva bene il suo aggressore. “Ho dovuto vedere questa persona per tanto tempo, quindi ho smesso di mangiare e ho affrontato il trauma in altri modi”. E’ una verità che ha sempre tenuto dentro ma adesso dice tutto e confida che quando un mese dopo ha cercato di risolvere e ha richiamato quella persona lui l’ha fatta sentire anche peggio. 

“Per anni me la sono presa con me stessa, che è anche il motivo per cui ho fatto davvero fatica ad accettare che si fosse trattato di uno stupro quando è successo”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.